Le assurde teorie di Lello Ciampolillo, il senatore che ha salvato il Governo Conte

Antonio Cosenza

21/01/2021

21/01/2021 - 15:32

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Dalla Xylella al Covid, il senatore Ciampolillo (colui che ha salvato il Governo Conte dalla sfiducia) ne ha per tutti: ecco alcune delle sue “assurde” teorie.

Le assurde teorie di Lello Ciampolillo, il senatore che ha salvato il Governo Conte

Alfonso - “Lello” - Ciampolillo è il politico del momento: il Governo Conte, infatti, deve al suo voto al fotofinish la fiducia ottenuta al Senato. Ma chi è Lello Ciampolillo? Se lo sono chiesti in molti nelle ultime ore: barese, prossimo al compimento dei 49 anni, Ciampolillo inizialmente fu eletto con il Movimento 5 Stelle, salvo poi transitare al Gruppo Misto per il contenzioso legato alle restituzioni.

Adesso si candida ad essere l’uomo in più per Giuseppe Conte, tanto da manifestare il suo interesse per il Ministero dell’Agricoltura lasciato vacante dalle dimissioni della Bellanova.

Ma Lello Ciampolillo è molto più di questo: è un politico controverso che in questi anni si è fatto conoscere perlopiù per le sue teorie complottistiche e particolarmente campate in aria. Sono diverse le dichiarazioni di Ciampolillo che ci hanno lasciato interdetti, tanto che ne potremmo persino stilare una classifica delle più assurde.

E ovviamente tra le assurde teorie del senatore Ciampolillo non potevano mancare quelle legate al Covid, con questo che ha da ridire persino sull’efficacia dei vaccini. Per capire meglio chi è Lello Ciampolillo, quindi, vogliamo raccontare di alcune sue teorie e storie che lo hanno visto protagonista; ecco le più “interessanti”.

Ciampolillo e le teorie sulla Xylella

Da buon esperto in agricoltura, tanto da dirsi pronto a ricoprirne il posto rimasto vacante al Ministero qualora Giuseppe Conte dovesse chiamarlo per sostituire la Bellanova, Ciampolillo ha espresso la propria teoria sulla Xylella, il batterio killer che nelle campagne pugliesi ha fatto migliaia di vittime tra gli alberi d’ulivo. Molti imprenditori hanno perso tutto a causa della Xylella, ma Ciampolillo ritiene che in realtà questo batterio non esista, o che comunque per sconfiggerlo siano sufficienti “sapone e onde elettromagnetiche”.

Ed è per questo motivo che per evitare l’eradicazione di un ulivo malato, su disposizione dell’UE proprio per impedire l’avanzata di questo batterio, Ciampolillo nel dicembre del 2019 decise di eleggerlo come sua residenza parlamentare.

Ciampolillo e le teorie sulla mascherina

Sul fronte Covid, Ciampolillo è da sempre contrario all’utilizzo della mascherina. Nelle ultime ore ha provato a rivedere la propria posizione dicendo che lui in realtà la mascherina la usa, ma comunque “che non è quella la soluzione” (dichiarazioni rilasciate nel corso del suo recente intervento a La Zanzara su Radio 24), ma fino a qualche mese fa (prima di riscoprirsi a favore del Governo Conte) era molto più lapidario a riguardo.

Appena il 12 gennaio scorso, infatti, questo commentava:

La mascherina è obbligatoria per limitare la diffusione del coronavirus ma in realtà blocca solo quello dell’influenza. Non vi sentite neanche un po’ presi in giro?

Ciampolillo e le teorie sul vaccino per il Covid

E non va meglio al vaccino per il Covid. Ciampolillo, che spesso si è espresso in favore delle teorie no-vax ha dichiarato che non intende vaccinarsi in quanto “ci sono evidenze di danni collaterali, paralisi facciali, morti”. In realtà è bene smentire queste dichiarazioni, in quanto non è assolutamente vero che ci sono stati dei decessi a causa degli effetti collaterali del vaccino.

Il Senatore, però, ha una sua alternativa a riguardo: questo ritiene che sia meglio “puntare sulle difese immunitarie” praticando una dieta vegana. Essere vegani aiuta ed è per questo che lui stesso avrebbe “delle difese immunitarie altissime”. Ragion per cui Ciampolillo ha persino consigliato a Conte di diventare vegano.

Ciampolillo e le teorie sulla Cannabis

Da sempre sostenitore della legalizzazione della Cannabis (il 16 settembre scorso si è immortalato in un selfie mentre si avviava verso il Senato con una cravatta sulla quale oltre ad essere ricamata una foglia di marijuana vi era la scritta “legalize”) Ciampolillo ritiene che questa rappresenti una cura miracolosa per il Covid. Una convinzione dettata da una ricerca del Medical College della Georgia, secondo la quale il cannabidiolo potrebbe curare gli effetti gravi del Covid. Uno studio ancora in fase preliminare, ma secondo Ciampolillo il Ministro della Salute Speranza dovrebbe già cominciare ad utilizzare la Cannabis come rimedio al Covid.

Ciampolillo e le teorie sui morti del Covid

Infine, sempre nel suo intervento a La Zanzara, Ciampolillo ha anche minimizzato sulle conseguenze del Covid, spiegando che l’alto numero di decessi in Italia dipende dal modo in cui questi vengono contati. Nel dettaglio, Ciampolillo ha spiegato che - secondo lui - “spesso si conteggiano come morti da Covid quelli morti in incidenti stradali”, o anche che i medici “ti mettono come morto da Covid se hai un’altra malattia”.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories