Arcelor Mittal: risultati incoraggianti nel secondo trimestre, ottimismo su Ilva

Il colosso dell’acciaio registra numeri più che positivi a fine giungo 2018 e si mostra ottimista sull’acquisizione dell’Ilva.

Arcelor Mittal: risultati incoraggianti nel secondo trimestre, ottimismo su Ilva

Si chiude con dati “incoraggianti” il secondo trimestre 2018 per Arcelor Mittal. Il colosso dell’acciaio ha registrato un considerevole aumento dell’utile e dei ricavi, con un ebitda che ha superato anche le attese degli analisti.

Una performance, quella del gruppo con sede a Lussemburgo, che ha beneficiato anche della politica dei dazi sull’acciaio imposti dagli Stati Uniti, mercato strategico per il gigante del settore siderurgico.

Dati alla mano, Arcelor Mittal guarda con ottimismo ai prossimi mesi, ritenendo di poter approfittare delle favorevoli condizioni di mercato per proseguire nella crescita.
Ottimismo che il gruppo esprime anche sulla spinosa vicenda dell’Ilva, che resta per la società, una “opportunità eccellente”.

I conti

I primi tre mesi del 2018 portano Arcelor Mittal ad ottenere un risultato netto positivo di 1,9 miliardi di euro, una cifra cresciuta del 56% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Nello stesso arco temporale, si registra anche un balzo dei ricavi che sono passati da 17,2 miliardi a 19,9 miliardi.

Salito anche l’ebitda che raggiunge quota 3,073 miliardi rispetto ai precedenti 2,1 miliardi, superando anche le previsioni degli analisti.

Allo stesso tempo, si è anche ridotto l’indebitamento del colosso industriale, sceso a 10 miliardi e mezzo rispetto agli 11,1 miliardi registrati a fine marzo scorso.
L’utile di Arcelor Mittal nel semestre, infine, si attesta a 3,1 miliardi di euro.

Risultati incoraggianti

I dati del gigante dell’acciaio spingono il Presidente e CEO di Arcelor Mittal, Lakshmi N. Mittal, a un cauto ottimismo anche per il prossimo futuro. I risultati ottenuti sono “incoraggianti” così come lo sono le prospettive per la seconda metà dell’anno

“poiché prevediamo che le attuali condizioni di mercato favorevoli continuino e siano ben posizionate per trarre vantaggio da questa posizione di leadership in molti mercati chiave. Riteniamo che miglioramenti dei fondamentali di settore sottostanti siano sostenibili, sebbene ci sia ancora molto da fare per affrontare a fondo il problema della sovraccapacità globale. Manterremo un pregiudizio deleveraging, mentre perseguiremo anche opportunità selettive per rafforzare le basi della creazione di valore sostenibile”.

Ottimismo sull’Ilva

I dati sulla performance finanziaria di Arcelor Mittal arrivano nel pieno della trattativa sull’Ilva. Nei giorni scorsi, è ripreso a pieno ritmo il dialogo tra il governo e il gruppo lussemburghese pronta ad acquisire la società italiana.

Diversi però ancora i nodi da sbrogliare: dalla questione ambientale a quella occupazionale, passando per la legittimità della stessa gara pubblica.

Il Ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, aveva chiesto ad Arcelor Mittal di migliorare il piano di risanamento ambientale, ma quello presentato dalla multinazionale non è stato ritenuto soddisfacente dal vicepremier.

Intanto, mentre il braccio di ferro va avanti, la data ultima per la cessione dell’Ilva è stata prorogata al prossimo 15 settembre.
Il colosso della siderurgia mondiale resta comunque ottimista: l’Ilva, ha spiegato lo stesso Lakshmi N. Mittal, resta una “ eccellente opportunità ”.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su ArcelorMittal

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.