Apple Pay Later: pagare a rate con l’iPhone si può, ecco come

Chiara Esposito

06/06/2022

07/06/2022 - 08:32

condividi

Come funziona Apple Pay Later, la nuova rivoluzionaria frontiera del pagamento con IPhone che dà accesso a un sistema rateizzato.

Apple Pay Later: pagare a rate con l'iPhone si può, ecco come

Tra le esclusive funzionalità del sistema iOS 16 presentate annunciate alla WWDC 2022 c’è anche quella di Apple Pay Later, il servizio che si propone come una comoda e pratica evoluzione della già nota e apprezzata app di Apple Pay. Questa modalità di pagamento a rate attesa da tempo poiché molti auspicavano una facilitazione nelle spese affrontate tramite il dispositivo.

Non a caso Apple Pay Later risponde a questa domanda degli acquirenti consentendo anche una considerevole dilatazione dei tempi delle transazioni. In una semplice mossa l’azienda accontenta quindi i suoi clienti e si aggiudica anche il plauso del mercato.

Il panorama tech si dice poi soddisfatto per un altro particolare. Quella che impropriamente potremo definire come un’estensione non solo eviterà di gravare eccessivamente sulla mensilità ma, sul fronte tecnico della gestione di sistema, Apple Pay Later non richiederà alcun lavoro da parte degli sviluppatori e degli esercenti che già hanno adottato il sistema di pagamento di Cupertino.

Ecco quindi spiegato in poche semplici mosse con funziona e come usare al meglio questa nuova modalità.

Come funziona Apple Pay Later

Apple Pay Later consentirà di dividere ogni singolo pagamento in quattro parti ovvero quattro rate per le quali non sarà richiesto alcun interesse. Ciò permetterà ai clienti Apple di pagare nel tempo e senza alcun costo aggiuntivo scegliendo semplicemente tale opzione al momento della regolarizzazione del pagamento. L’intera procedura di pagamento in sintesi è del tutto automatizzata; una volta selezionata la preferenza di pagare tramite il sistema di Apple Pay Later è l’app che gestisce l’intera transazione.

A livello di funzionamento l’azienda ha chiarito come la prima rata verrà immediatamente regolarizzata mentre le successive vedono le transazioni procedere ogni due settimane per un arco complessivo di chiusura entro sei settimane dal momento dell’acquisto.

Le tre rate successive (sempre senza interessi) saranno quindi addebitate sullo strumento di pagamento registrato dall’account di Apple Pay come normalmente avviene con PayPal e Klarna, anche se in questo caso il pagamento è suddiviso in 3 rate mensili senza interessi. Un piccolo “plus” concorrenziale che evidentemente Apple sa di potersi permettere.

Questa serie di facilitazioni, così immediate e intuitive, con molta probabilità condurranno le transazioni digitali ad aumentare il proprio ritmo di erosione nei confronti del contante e ad affermarsi come metodologia di scambio preminente.

Dove sarà utilizzabile?

Anche se Apple non ha ancora specificato le tempistiche di rilascio del nuovo servizio, non appena sarà possibile accedere alla funzionalità questa sarà immediatamente disponibile in tutti i Paesi dove già è possibile acquistare pagando con Apple Pay. A breve, quindi, anche gli utenti italiani potranno accedervi. Viene confermata quindi l’accettazione di Apple Pay Later ovunque siano consentiti i pagamenti con Apple Pay online oppure in-app, tramite il circuito Mastercard.

Le operazioni saranno gestibili direttamente dall’app Wallet e gli utenti potranno persino consultare le proprie ricevute dettagliate con le varie informazioni di tracking per gli ordini pagati presso gli esercenti che aderiscono al sistema di pagamento.

Alla novità di Apple Pay Later infatti si è aggiunta la modalità Apple Pay Order Tracking, un servizio integrato con Shopify che permette di inviare all’acquirente il tracking relativo alla spedizione del prodotto acquistato. Un valore aggiunto per entrambe le aziende ma soprattutto per la piattaforma di Shopify che sta duramente resistendo all’attuale dominio di Amazon nell’ecosistema distributivo e logistico.

Apple invece, insieme a tutte le nuove funzionalità del nuovo sistema operativo iOS 16, fa un passo in avanti nella sua evoluzione e lancia il chiaro segnale di voler restare un brand innovativo e competitivo e non solo un accessorio tecnologico di lusso che si adagia sugli allori dello status symbol a cui i consumatori di norma lo associano.

Argomenti

# Apple

Iscriviti a Money.it