Posso andare a trovare il fidanzato/a fuori Comune e fuori Regione?

Laura Pellegrini

15/02/2021

15/02/2021 - 15:08

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il divieto di spostamento tra Regioni è stato esteso al 25 febbraio 2021. Quando è possibile andare a trovare il fidanzato/a fuori Regione?

Posso andare a trovare il fidanzato/a fuori Comune e fuori Regione?

Vietato spostarsi fuori Regione, anche se in zona gialla, fino al 25 febbraio, e resta in vigore almeno fino al 5 marzo il divieto di uscire dal Comune in zona arancione e rossa, tranne che per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità che giustificano lo spostamento.

Ma cosa dicono l’ultimo DPCM e il decreto-legge più recente in merito alla possibilità di spostarsi fuori Comune o fuori Regione per andare a trovare il fidanzato o la fidanzata? Fare visita alla persona con cui si ha una relazione amorosa rientra tra le deroghe al divieto di spostamento? Facciamo chiarezza.

Zona rossa, posso vedere il fidanzato/a fuori Comune o fuori Regione?

Per le Regioni inserite in zona rossa ogni spostamento deve essere giustificato tramite la compilazione del modulo di autocertificazione. In zona rossa, infatti, sono concessi soltanto gli spostamenti dettati da motivi di lavoro, studio, salute o necessità, compresa la possibilità di andare a fare la spesa o di uscire per fare attività fisica.

Tuttavia, esiste una deroga che permette ai cittadini delle zone rosse di spostarsi una sola volta al giorno, dalle ore 5 alle ore 22, all’interno del territorio comunale per andare a visitare parenti, amici o fidanzati in un massimo di due persone e verso un unico nucleo familiare non convivente.

Inoltre, i Comuni con meno di 5.000 abitanti possono spostarsi entro un raggio di 30km evitando il capoluogo di provincia. In questo caso vale anche lo spostamento per ricongiungersi con il proprio partner.

I casi in cui è possibile uscire dal proprio Comune o dalla propria Regione per visitare il fidanzato/a devono coincidere necessariamente con il ritorno alla propria residenza, al domicilio o presso la propria abitazione.

I concetti giuridici di residenza, domicilio e abitazione

Per chiarire meglio la normativa attualmente in vigore, il Governo ha specificato il significato giuridico da attribuire ai termini «residenza», «domicilio» e «abitazione».

  • la residenza è definita come il “luogo in cui la persona ha la dimora abituale” e “risulta dai registri anagrafici ed è quindi conoscibile in modo preciso e verificabile in ogni momento”;
  • il domicilio, invece, è definito come “il luogo in cui una persona ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi” e pertanto può non coincidere con la residenza;
  • l’abitazione, infine, non ha una definizione giuridica, ma ai fini dell’applicazione dei provvedimenti anti-Covid “va individuata come il luogo dove si abita di fatto, con una certa continuità e stabilità (quindi per periodi continuativi, anche se limitati, durante l’anno) o con abituale periodicità e frequenza (per esempio in alcuni giorni della settimana per motivi di lavoro, di studio o per altre esigenze)”.

Ciò significa che le persone che per motivi di lavoro vivono in un luogo diverso da quello del proprio partner, ma che si ritrovano con lui o lei con regolare frequenza e periodicità nella stessa abitazione, possono spostarsi per raggiungere tale abitazione anche se si trova fuori Regione o fuori Comune. Tuttavia, lo spostamento deve avvenire entro l’orario di coprifuoco e dunque è permesso dalle ore 5 alle ore 22 con autocertificazione.

Zona arancione, posso vedere il fidanzato/a fuori Comune o fuori Regione?

La peculiarità della zona arancione (rispetto alla zona gialla) è il divieto di spostamento tra Comuni diversi da quello di residenza se non per motivi di salute, lavoro o necessità. Tuttavia, è sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio o residenza, oltre alla deroga che consente gli spostamenti entro 30 km ai Comuni con meno di 5.000 abitanti.

Le persone possono spostarsi liberamente dalle ore 5 alle ore 22 all’interno del territorio comunale per visitare parenti, amici o fidanzati, mentre per deduzione è possibile estendere la concessione della zona rossa anche alla zona arancione.

In altre parole, le persone che per motivi di lavoro vivono in un luogo diverso da quello del proprio partner, ma che si ritrovano con lui o lei con regolare frequenza e periodicità nella stessa abitazione, considerata come domicilio o residenza, possono spostarsi per raggiungere tale abitazione anche se si trova fuori Regione o fuori Comune rispettando l’orario di coprifuoco.

Zona gialla, posso vedere il fidanzato/a fuori Comune o fuori Regione?

Nelle Regioni inserite in zona gialla non ci sono limitazioni agli spostamenti all’interno della propria Regione e quindi non risulta necessario portare con sé l’autocertificazione nel momento in cui si resta entro in confini regionali.

Se il proprio partner si trova nella stessa Regione, quindi, ci si può spostare per andare a trovarlo dalle 5 alle 22. Se, invece, si trova fuori dalla propria Regione occorre rispettare i concetti ribaditi per la zona rossa e la zona arancione, ovvero la possibilità di rientrare presso la residenza, il domicilio o l’abitazione.

Gli spostamenti fuori Regioni, anche se inserite in zona gialla, dettate da motivi diversi da quelli sopra elencati, rimangono vietati fino al 25 febbraio 2021.

Argomenti

# Comuni
# DPCM

Iscriviti alla newsletter

Money Stories