Eurostoxx 50: Fed favorisce pullback, strategie long da livello dinamico

Il principale indice azionario dell’Eurozona si avvicina ad un livello dinamico di lungo periodo che potrebbe favorire l’implementare di strategie long. Ecco l’operatività multiday

Eurostoxx 50: Fed favorisce pullback, strategie long da livello dinamico

L’indice Eurostoxx 50 oggi si attesta poco al di sopra della parità, insieme agli altri listini europei. Ieri sera, come atteso da analisti ed investitori, la Fed ha lasciato invariati i tassi di interesse, che rimangono stabili nel range compreso tra il 2,25% il 2,50% (clicca qui per approfondimenti).

Nelle guidance individuali dei membri del Board, relativamente ai tassi di interesse, 11 dei 17, hanno segnalato di non prevedere nuovi rialzi dei tassi nel corso del 2019 rispetto alle proiezioni prevalenti nel corso del meeting di dicembre, che vedevano due rialzi tassi per quest’anno. Un probabile rialzo è invece atteso nel 2020.

La Federal Reserve ha inoltre abbassato le stime di crescita dell’economia americana, portandole dal precedente tasso di upside del 2,3% all’attuale 2,1%. Sebbene i segnali di una rinnovata cautela da parte della Banca centrale Usa siano stati una delle ragioni del recente recupero delle Borse, gli analisti hanno indicato come le revisioni al ribasso delle stime di crescita americane hanno riacceso i timori del mercato sull’attività economica globale.

Per quanto riguarda il Vecchio Continente, il quadro tecnico dell’indice Eurostoxx 50 appare interessante oggi.


Eurostoxx 50, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Con il ribasso segnato ieri e proseguito nella giornata odierna, i corsi sono arrivati al test della trendline discendente di lungo periodo che conta i massimi segnati il 23 gennaio 2018 con l’high segnato il 18 maggio 2018, rispettivamente a 3.687,22 punti e a 3.596,20 punti, ora transitante a 3.359,68 punti.

Considerata l’importanza di questo livello dinamico, un eventuale test, idealmente con la formazione di un pattern dalle implicazioni rialziste, su grafico giornaliero che su timeframe intraday come il 4 ore o l’orario, potrebbe fornire un valido in ingresso in direzione long.

Da inizio anno la tendenza in atto è evidentemente rialzista ed è stata successivamente rafforzata dal superamento della media mobile semplice a 200 giorni avvenuto nella seduta del 28 febbraio scorso. Per questo motivo si potrebbe quindi privilegiare l’implementazione di strategie trend-following con obiettivi ambiziosi.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su Eurostoxx 50


Elaborazione Ufficio studi di Money.it

Alla luce della struttura tecnica si potrebbero privilegiare strategie di matrice rialzista. In particolare un recupero delle quotazioni al di sopra del 50% del corpo della candela ribassista disegnata ieri, a 3.389,81 punti, fornirebbe un segnale long.
In tal caso lo stop loss potrebbe essere collocato poco al di sotto del livello dinamico discendente menzionato nell’analisi, più precisamente a 3.359 punti.
Un primo obiettivo di profitto potrebbe essere identificato a 3.452,41 punti, prossima resistenza statica.
Un target finale, invece, potrebbe essere posizionato in prossimità della successiva resistenza statica a 3.536,87 punti, lasciata in eredità dall’high segnato il 31 luglio scorso.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Analisi tecnica

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \