Wall Street: AMD si aggrappa a MM 200 per mantenere primato dell’anno

A dispetto delle cattive performance del principale listino americano, il titolo della società specializzata in componenti per computer ha segnato un apprezzamento del 74,51% da inizio anno

Wall Street: AMD si aggrappa a MM 200 per mantenere primato dell'anno

Dopo la pesante seduta di ieri, l’S&P500, ha aggiornato i suoi minimi annuali, a 2.441,1799 punti, per poi chiudere la seduta a 2.467,4199 punti, arrivando a perdere il 7.71% nel 2018. In un anno particolarmente negativo per gli indici mondiali però, alcune azioni hanno performato decisamente meglio del loro panieri di riferimento.

È il caso di AMD, che risulta essere il miglior titolo del principale listino a stelle e strisce, con un guadagno del 74,51% dal 2 gennaio scorso.

La società si occupa di produrre e distribuire circuiti integrati per computer e mercati delle comunicazioni e ieri ha annunciato la sua quotazione anche sul Nasdaq 100.
L’azienda è famosa per le sue schede video, componenti che negli ultimi anni hanno vissuto un vero e proprio boom, grazie alle criptovalute che per il mining richiedono elaboratori ad alte prestazioni.

L’apprezzamento è ancora più impressionante se si conta lo scostamento dal primo giorno di contrattazione dell’anno ai massimi di 34,14 dollari segnati il 13 settembre 2018: in quel caso, il titolo aveva guadagnato il 232,42%.


AMD, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Dopo un inizio dell’anno passato in laterale, lo scorso 26 aprile, con un breakaway gap, parte il primo impulso che ha fatto iniziare il poderoso rally. Il 13 settembre, i corsi hanno dato il primo segnale di cedimento, costruendo una figura di inversione bearish di dark cloud cover.

L’impulso che ne è derivato ha peggiorato la struttura tecnica della società, i cui prezzi hanno violato la linea di tendenza che collega i minimi del 25 aprile a quelli del 2 luglio 2018.

I compratori hanno poi tentato di rialzare la testa, venendo fermati dall’area resistenziale di 23,75 dollari. In tempi più recenti, nelle ultime due sedute le quotazioni sono scivolate al di sotto della trendline di breve periodo tracciata con i lows del 30 ottobre e quelli del 20 novembre scorsi.

Per una tenuta della fase bullish, è importante che i prezzi riescano a mantenersi al di sopra del livello statico di 17,34 dollari che, se dovesse subire un breakout, porterebbe ad un aumento della pressione di vendita, almeno fino alla soglia psicologica dei 15 dollari.

Tale ipotesi è corroborata anche dal fatto che l’andamento dell’azione si trovi a ridosso della media mobile a 200 giorni, che ha sempre fornito un valido punto di appoggio per gli acquirenti.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su AMD


Elaborazione Ufficio Studi di Money.it

Da quanto emerso dall’analisi, si potrebbero valutare strategie di matrice rialzista in caso di ritorno al di sopra di 19,20 dollari. In tal caso, lo stop loss andrebbe posto a 16,12 dollari, l’obiettivo principale a 22 dollari e l’obiettivo finale a 22,20 dollari.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO