Amazon: 1.000 dipendenti scioperano contro il cambiamento climatico

Quasi 1.000 dipendenti Amazon si preparano a uno sciopero per protestare contro l’inerzia della loro azienda sul cambiamento climatico

Amazon: 1.000 dipendenti scioperano contro il cambiamento climatico

1.000 dipendenti Amazon sono pronti a uno sciopero. Il loro obiettivo è quello di portare in primo piano le proteste contro il cambiamento climatico e quella che reputano “l’inazione” della compagnia rispetto alla problematica.

Il collettivo che sta pianificando il tutto è noto col nome di Dipendenti di Amazon per la giustizia climatica. A inizio settimana il gruppo ha diffuso un comunicato in cui dichiara che la società dovrebbe farsi carico del problema e studiare le soluzioni, perché è “una delle aziende più grandi e potenti al mondo”.

La giornata di sciopero è prevista per il 20 settembre, prima del Global Climate Strike, evento internazionale che dura una settimana e incoraggia più in generale tutti i dipendenti aziendali a uscire dai luoghi di lavoro per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema.

Considerando l’enorme parco dipendenti di Amazon, che impiega circa 600.000 persone in tutto il mondo, il gruppo di scioperanti è molto ristretto, ma non si esime dal mettere i vertici societari di fronte a richieste specifiche e importanti.

Amazon: 1.000 dipendenti scioperano per i cambiamenti climatici

Tra le richieste, il gruppo di scioperanti vuole che Amazon smetta di donare a politici e imprenditori che negano il problema del ’climate change’.

In più, chiede che la compagnia azzeri i suoi contratti con società di combustibili fossili, e che cominci ad utilizzare veicoli elettrici nelle città dove l’inquinamento ambientale è più elevato. Secondo il gruppo è infatti “fondamentale” per Amazon puntare a emissioni zero entro il 2030:

“Amazon è una delle realtà più innovative al mondo e - da dipendenti - siamo orgogliosi di far parte di un’azienda leader. Ma di fronte alla crisi climatica, un vero leader è colui che per primo raggiunge emissioni zero, non chi lo fa all’ultimo momento possibile”.

In risposta ai dipendenti, la compagnia di Bezos ha dichiarato alla CNN che lottare contro i cambiamenti climatici rappresenta “un impegno importante”, per questo ha un ’team di sostenibilità’ che si occupa specificamente di iniziative volte a ridurre l’impatto ambientale dell’azienda.

All’inizio di quest’anno ha lanciato Shipment Zero, piano che mira a produrre emissioni a zero carbonio entro il 2030 per metà delle sue spedizioni; dai vertici sostengono inoltre che e-commerce e cloud computing favoriscano una notevole riduzione delle emissioni, vista il diminuire degli spostamenti a cui contribuiscono.

Proprio di recente la compagnia - di concerto con Walmart - ha dato avvio a un piano volto a eliminare gli imballaggi in plastica monouso dal mercato indiano. L’intenzione è quella di eliminare tutta la plastica non riciclabile dalle consegne nel Paese entro giugno del 2020, sostituendola con strati in carta imbottita:

“Nell’ultimo decennio, attraverso i nostri programmi di imballaggio sostenibile, abbiamo eliminato oltre 244.000 tonnellate di materiali di imballaggio e tagliato almeno 500 milioni di scatole di spedizione”.

Non è la prima volta che i dipendenti Amazon si scontrano con i vertici societari per via del ’climate change’. Durante una riunione degli investitori a maggio, oltre 7.600 dipendenti hanno firmato una lettera che chiedeva esplicitamente alla società un piano per rispondere ai cambiamenti climatici.

Il CEO Jeff Bezos ha confermato che il tema è “fonte di preoccupazione”:

“È difficile trovare un problema più importante del cambiamento climatico. Ci sono molte iniziative in corso e non abbiamo ancora finito, ne penseremo molte di più. Siamo sempre molto inventivi”.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Amazon

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.