Addio ai bonus 200 e 150 euro, Meloni conferma: “Sono inutili, soldi servono contro il caro bollette”

Stefano Rizzuti

5 Novembre 2022 - 15:26

condividi

La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, boccia l’utilizzo dei bonus contro l’inflazione e sembra così confermare che quelli da 200 e da 150 euro non verranno più rinnovati.

Addio ai bonus 200 e 150 euro, Meloni conferma: “Sono inutili, soldi servono contro il caro bollette”

Niente più bonus. Né da 200 né da 150 euro. L’approccio del nuovo governo, guidato da Giorgia Meloni, per fronteggiare il caro energia e l’inflazione cambia rispetto al precedente esecutivo e punta a misure diverse dai bonus. Lo dice chiaramente la stessa presidente del Consiglio in un post su Facebook nel quale dice basta a quelli che definisce come “bonus inutili”.

La ricetta del nuovo governo contro il caro energia e per evitare di ridurre il potere d’acquisto degli italiani, quindi, sembra cambiare. Negli scorsi mesi l’esecutivo guidato da Mario Draghi aveva puntato su due bonus che sono stati utilizzati per evitare un impatto troppo forte dell’inflazione sugli italiani.

Da una parte il bonus 200 euro per i redditi sotto i 35mila euro e poi, successivamente, il bonus 150 euro per i redditi sotto i 20mila euro. In entrambi i casi, quindi, si tratta di misure che sembrano destinate a scomparire e a non essere rinnovate, contrariamente a quanto fatto presagire nei giorni successivi alle elezioni del 25 settembre. Ma la posizione di Meloni ora è chiara e sembra evidente che i circa 30 miliardi a disposizione del governo per fronteggiare la crisi energetica serviranno solamente per mitigare il caro bollette.

Cosa ha detto Meloni sui bonus

In un post su Facebook, la presidente del Consiglio si è soffermata su quanto deciso in Consiglio dei ministri sulla Nadef, oltre che sulle misure che serviranno per fronteggiare il caro energia. Meloni parla dei 30 miliardi che verranno impiegati per “mettere in sicurezza famiglie e imprese dal caro bollette e compiere il primo passo sul fronte della sicurezza energetica nazionale”.

Le risorse a disposizione, spiega, verranno utilizzate “per aiutare gli italiani a far fronte all’aumento del costo dell’energia, senza disperdere risorse in bonus inutili”. Un messaggio chiarissimo che fa capire come il governo non investirà altri soldi in nuovi bonus o nel rinnovo di quelli esistenti. Ovvero proprio il bonus 200 euro e, ancor di più, il bonus 150 euro per cui si era pensato a una proroga.

Le risorse, invece, verranno utilizzate anche per aumentare la produzione di gas nazionale per poi destinarlo a prezzi accessibili alle aziende energivore. Meloni conclude: “Avevamo promesso agli italiani che, una volta al Governo, ci saremmo dedicati con serietà e determinazione all’emergenza energetica ed è esattamente quello che stiamo facendo, dimostrando che anche in Italia se si vuole è possibile fare quello che serve per il bene dei cittadini”.

L’appello di Federmeccanica al governo Meloni

Meloni sembra inoltre rispondere all’appello lanciato dal presidente di Federmeccanica, Federico Visentin: un “fate presto” rivolto al governo per chiedere di intervenire al più presto sul fronte energetico. “Il tempo degli slogan e dei bonus è finito”, secondo Visentin, che aggiunge: “Non abbiamo bisogno di segnali con misure temporanee e limitate, così si sprecano solo risorse. Abbiamo bisogno di azioni che lascino il segno”.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO