A che età si può iniziare a lavorare?

16 anni è il limite di età per poter lavorare in Italia, ma esistono diversi limiti riguardo gli orari e la tipologia di lavoro: ecco impieghi consentiti e quelli vietati.

A che età si può iniziare a lavorare?

Da che età si può lavorare? In Italia il limite per poter svolgere un’attività lavorativa salariata è 16 anni compiuti, e il datore che assume o impiega - anche senza contratto - un minore di 16 anni rischia gravi conseguenze, in alcuni casi persino l’arresto.

Quindi è possibile lavorare prima dei 18 anni ma bisogna attenersi a precise regole stabilite dalla legge che servono a tutelare la salute fisica e mentale del giovane lavoratore.

Per questo chi inizia a lavorare a 16 o 17 anni dovrà avere delle condizioni contrattuali diverse rispetto agli altri dipendenti riguardo turni, pause e riposi settimanali.

Inoltre è previsto per legge un lungo elenco (qui in allegato) di lavori vietati sotto i 18 anni.

A che età si può lavorare: cosa dice la legge in Italia

L’articolo 37 della Costituzione prevede che sia la legge a stabilire il limite minimo per iniziare a lavorare e come riferimento normativo dobbiamo prendere l’articolo 3 della legge 977/1967 poi modificato dall’articolo 5 del D.Lgs 345/1999 dove è stabilito che:

“L’età minima di ammissione al lavoro è fissata al momento in cui il minore ha concluso il periodo di istruzione obbligatoria e comunque non inferiore ai 15 anni compiuti”.


A questo limite nel 2007 se ne è aggiunto un altro previsto dalla legge finanziaria: il minore prima di entrare nel mondo del lavoro deve avere alle spalle almeno 10 anni di istruzione. E visto che alla scuola elementare si accedere a 6 anni va da sé che è vietato lavorare prima di aver compiuto il sedicesimo anno di età.

Quali lavori sono vietati prima dei 18 anni

Se è vero che a partire dai 16 si può lavorare è anche vero che molte tipologie di impiego sono vietate, poiché ritenute pericolose per la crescita psico-fisica del ragazzo/a. Tra i lavori vietati troviamo quelli:

  • che prevedono il contatto con agenti chimici e biologici;
  • con animali pericolosi e feroci;
  • eccessivamente faticosi (come scarico e carico merci pesanti);
  • in cave, gallerie e miniere;
  • pulitura fibre tessili;
  • macellerie con strumenti pericolosi e taglienti.

Qui l’elenco completo:

Elenco dei lavori che non possono essere svolti dai minori di 18 anni
Lavori vietati dai 16 ai 18 anni

Orari di lavoro, turni e riposi

Nei casi in cui il lavoro a partire dai 16 è ammesso, datore di lavoro e minore devono attenersi a precisi vincoli di orario. Infatti i minori di 18 anni non sono equiparati ai maggiorenni e per questo devono avere turni e mansioni meno faticosi.

L’orario di lavoro dei minori non può mai superare le 8 ore giornaliere e sono vietati gli straordinari oltre le 40 ore settimanali. Almeno ogni 4 ore e mezza di lavoro il minore ha diritto ad una pausa di almeno un’ora, in alcuni casi ridotta a mezz’ora (dipende dal CCNL).

Anche il riposo settimanale è diverso: chi lavora prima dei 18 anni ha diritto ad un periodo di riposo di almeno due giorni a settimana, uno dei quali deve essere la domenica (tranne nel settore dello spettacolo, pubblicità, turismo, ristorazione e cultura).

Il riposo settimanale può essere ridotto solo per comprovate motivazioni organizzative ma non deve mai scendere sotto le 36 ore consecutive.

Ai minori è vietato il lavoro notturno, ovvero nella fascia oraria dalle 22.00 alle 6.00 oppure dalle 23.00 alle 7.00; a tale per il tempo strettamente necessario.

Visite mediche obbligatorie

Prima di procedere all’assunzione, il datore che intende impiegare un minore deve valutare i rischi connessi all’attività e mettere l’ambiente in sicurezza. Inoltre il minore è obbligato a sottoporsi ad una visita medica (con cadenza annuale) pre-assuntiva per verificare l’idoneità alle mansioni che andrà a svolgere, fino al compimento dei 18 anni.

La visita viene effettuata da un medico del Servizio Sanitario Nazionale e ne deve essere data comunicazione al datore di lavoro e ai genitori o tutori legali del minore.

Eccezioni ammesse al limite di età minima

Esistono dei casi eccezionali in cui anche chi ha meno di 16 anni può lavorare:

  • in attività di carattere artistico-culturale;
  • nelle pubblicità;
  • nel mondo dello spettacolo (teatro, televisione, canto e ballo).

In questi casi è necessario avere l’autorizzazione della Direzione provinciale del lavoro competente per territorio (quella nel luogo in cui si svolge l’attività lavorativa) e il consenso scritto dei genitori o dei tutori del minore.

Inoltre in caso di fotografie, video o audio dei minori è necessario che genitori/tutori firmino una specifica liberatoria.

L’autorizzazione specifica non serve nel caso di attività non retribuite organizzate dalla scuola o altri enti pubblici (ad esempio una recita o un open day).

Cosa rischia il datore che assume sotto i 16 anni o non rispetta le regole

Come abbiamo visto, la legge italiana garantisce una lunga serie di tutele contro il lavoro minorile per salvaguardare la salute fisica e mentale dei giovani sotto i 16 anni. Se il datore di lavoro non rispetta le regole stabilite possono esserci gravi conseguenze:

  • arresto fino a 6 mesi per impiego di minori al di sotto dei 16 anni e ammenda fino a 5.164 euro;
  • sanzione da 516 a 2.528 euro per impiego del minore in ambienti di lavoro proibiti oppure in fasce orarie non consentite;
  • multa fino a 2582 euro per mancato rispetto delle norme sul lavoro minorile sul settore dello spettacolo.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories