Wishraiser: Mario Salsano svela obiettivi e prossime mosse della startup

La piattaforma italiana dei contest benefici è in costante crescita e ora punta al mercato spagnolo. Il suo Ceo e fondatore Mario Salsano ci ha raccontato i successi, i progetti per il 2020 e gli obiettivi della startup.

Wishraiser: Mario Salsano svela obiettivi e prossime mosse della startup

Fare una donazione per sostenere cause sociali a fronte della possibilità di vincere un’esperienza con il proprio idolo. È quello che permette di fare Wishraiser, la startup italiana specializzata in raccolte fondi online di tipo reward. Qui i personaggi famosi, le società sportive e altre aziende lanciano campagne di beneficienza a favore di varie organizzazioni No Profit di cui si fanno testimonial, tramite un modello innovativo che coinvolge i fan/donatori.

La piattaforma ha chiuso di recente un aumento di capitale di 400 mila euro e ha aperto a un round di investimento del valore di 2,5 milioni di euro con l’obiettivo di allargare il suo business ed entrare sul mercato spagnolo in primis.

Per sapere di più sul suo modello di business e i progetti futuri abbiamo intervistato Mario Salsano, CEO e co-founder di Wishraiser, tra le altre cose inserito da Forbes nella classifica dei 100 under 30 capaci di fare la differenza la differenza nel settore Social Enterpreneurs. Ecco la nostra intervista.

Come è strutturato il business aziendale e come sono impostati i vostri rapporti i con gli enti no profit e con i testimonial?

“Lavoriamo quotidianamente al fianco di organizzazioni no profit per pianificare campagne con i loro testimonial, oppure per creare un contatto tra le associazioni, i testimonial e le aziende per lanciare campagne di raccolta fondi. Il modello è molto semplice: l’associazione paga un servizio di piattaforma per ogni campagna lanciata, circa il 20% della raccolta al netto dei costi vivi.

Nel servizio sono compresi i costi di piattaforma, comunicazione, ufficio stampa, gestione delle esperienze, gestione della relazione con il testimonial e assistenza clienti pre e post donazione. Un servizio chiavi in mano che permette al testimonial e associazioni di lanciare il contest benefico senza troppe difficolta”.

Quando si chiuderà il round di finanziamento da 2,5 milioni di euro e come sta andando attualmente?

“Contiamo di chiudere il round da 2,5 milioni entro la fine dell’anno, massimo entro primo trimestre 2020. Entro la fine di ottobre stimiamo di chiudendo i primi 500.000 euro che sono un round bridge e che ci permetteranno di entrare nel mercato spagnolo”.

Come saranno reinvestiti i finanziamenti ricevuti e in che percentuali?

“Circa il 60% verrà investito nel team ed espansione estera, il restante 40% in prodotto e comunicazione”.

Quando è prevista l’entrata nel mercato spagnolo?

“Contiamo di lanciare la prima campagna sul mercato spagnolo entro la fine dell’anno, coinvolgeremo sia un testimonial sportivo spagnolo sia un’organizzazione non profit spagnola come beneficiaria. Ad oggi non posso svelare il nome perché non è ancora ufficiale, ma a breve dovrebbe essere online la prima campagna dedicata al mercato spagnolo. Entro la fine dell’anno prevediamo di inserire due risorse che possano svolgere il lavoro: business developer e comunicazione per la Spagna”.

Avete pensato a eventuali campagne di crowdfunding? E se sì su quale piattaforma e quando?

“Abbiamo chiuso il seed round di circa 350.000 euro tramite una campagna su ClubDealOnline, un portale di equity crowdfunding. Per ora abbiamo in mente di raccoglie successivi round, come questo da 2.5 milioni in modo tradizione e non tramite piattaforme”.

Quali sono i prossimi obiettivi per il 2020?

“100 campagne lanciate nell’arco dell’anno, 250.000 iscritti unici, superare il milione di fatturato. Dipenderà molto da quanto saremo bravi nel pianificare campagne, coinvolgere nella giusta maniera i partner e lavorare bene sul prodotto intercettando sempre di più i need dei nostri donatori sviluppando una migliore usabilità ed interazione.

Il 2020 sarà anche l’anno delle corporate, prevediamo di collaborare con importanti multinazionali per creare delle partnership che possano permetterci di allargare la nostra base utenti. Per il periodo natalizio lanceremo diverse campagne di raccolta fondi con esperienze esclusive e stiamo lavorando a fianco della fondazione per l’infanzia Ronald McDonald per lasciare nuove esprienze che avvicinano i donatori anche offline.

Iscriviti alla newsletter Fintech per ricevere le news su Crowdfunding

Argomenti:

Crowdfunding Startup

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.