Wall Street: i titoli caldi di mercoledì 17 ottobre

Il future sull’indice S&P 500 prosegue in leggera flessione dopo brillante seduta di ieri. Come di consueto l’Ufficio studi di Money.it ha selezionato i titoli più interessanti per l’operatività intraday e multiday

Wall Street: i titoli caldi di mercoledì 17 ottobre

Il future sull’indice S&P 500 prosegue il leggera flessione dopo la seduta positiva di ieri grazie alla quale i corsi sono riusciti a violare il recente modello di compressione.

Tuttavia, al momento della scrittura, i corsi hanno segno negativo e si attestano a 2.807 punti dopo aver raggiunto un massimo intraday a quota 2.824,25 punti. Per un’operatività intraday si potrebbero implementare strategie di natura ribassista, ma esclusivamente di brevissimo termine, alla rottura di 2.798,75 punti con target nei pressi dell’area statica a 2.778,50 punti. Per un’operatività multiday, invece si potrebbero implementare strategie di natura rialzista alla rottura dei recenti massimi a 2.824,25 punti. Con target il livello statico violato con il recente impulso ribassista a 2.866,65 punti.

Di seguito una lista dei titoli da monitorare nel corso della giornata selezionati dall’Ufficio studi di Money.it:

  • Western Digital Corporation: il titolo ha formato una figura di doppio minimo a ridosso dell’area supportiva di medio periodo lasciata in eredità dai minimi di swing segnati nel mese di novembre 2016. Anche se la tendenza è chiaramente ribassista dai top segnati a metà marzo, la valenza del livello supportivo potrebbe favorire un corposo rimbalzo fino in area 71,61 dollari. Alla luce della candela di ieri, la quale ha mostrato oltre a grande forza anche un’apertura in gap up, un’operatività di tipo long potrebbe essere già implementata alla rottura del massimo a 57 dollari per azione.
  • Wells Fargo & Company: il titolo del settore bancario ha testato per la seconda volta la trendline supportiva di lungo periodo che collega i minimi segnati nel mese di settembre e i minimi segnati nella seconda decade di aprile. Con le ultime due candele positive i corsi hanno abbandonato velocemente l’area dinamica per attestarsi a 53,73 dollari con la chiusura di ieri. Una rottura dei recenti massimi a 54,10 dollari potrebbero favorire un ulteriore impulso rialzista fino ad area 59,50 dollari, livello resistenziale segnato con i top di agosto e settembre.
  • Walmart: l’apertura di ieri in gap up seguita da una chiusura in prossimità dei massimi di giornata hanno portato il titolo a 95,81 dollari per azione. L’ultimo ostacolo per le forze rialziste rimane quindi la trendline discendente di lungo periodo che conta il massimo segnato a fine gennaio e ad agosto. Una rottura al rialzo di questo livello dinamico potrebbe consentire alle forze rialziste di tornare in prossimità dell’area resistenziale statica a 100 dollari e successivamente in area top dell’anno.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Wall Street

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.