Wall Street: i titoli caldi di martedì 2 ottobre

Apertura in leggera flessione per i futures di Wall Street. L’Ufficio studi di Money.it oggi si è focalizzato su alcuni titoli del settore tecnologico e multimediale per l’operatività intraday e multiday

Wall Street: i titoli caldi di martedì 2 ottobre

I tre principali futures sugli indici americani perdono terreno a seguito dei dati sulla manifattura rilasciati dall’Institute for Supply Management che ieri si è rivelato al di sotto delle attese (66,9 il dato effettivo contro 71 punti di stima degli analisti).

Interessante il future sull’indice Nasdaq 100, che con la candela di ieri una (Pin Bar ribassista) ha provocato una falsa rottura dei massimi segnati tra la fine di agosto e primi giorni di settembre.

La candela odierna, tuttavia, disegna una coda inferiore molto pronunciata a significare che la predominanza delle forze rialziste è ancora in atto, inoltre rifiuta, quasi chirurgicamente, la media mobile a 8 periodi che ha delimitato piuttosto bene i movimenti impulsivi da quelli correttivi della tendenza in essere.

Dal punto di vista operativo un eventuale ritracciamento in area 7.586,00 punti (minimo della candela rialzista del 27 settembre) o a quota 7.627,00 punti, livello al quale staziona la media mobile a 8 periodi, sono entrambi i livelli privilegiati al quale implementare posizioni di natura rialzista (anche su grafici intraday), con primo obiettivo i massimi a 7.728,75 punti.


Contratto mini-future Nasdaq 100, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Di seguito la lista dei titoli da monitorare nel corso della giornata selezionati dall’Ufficio studi di Money.it:

  • Netflix – il titolo sembra arrivato alla fine del cuneo ascendente che si è formato a partire dal minimo segnato il 20 agosto. Le quotazioni, inoltre, si trovano su un livello statico molto importante lasciato in eredità dai minimi segnati nei mesi di giugno e luglio. Una rottura del minimo a 373,73 dollari potrebbe riportare le quotazioni in area 354,33 dollari, ultimo minimo di swing segnato il 24 settembre.
  • Nvidia – vigoroso spunto rialzista per il titolo del settore tecnologico. Con le candele del 28 settembre e del 1 ottobre, le quali entrambe hanno aperto in gap up, si è violata la trendline discendete che collega il massimo a 285,22 con il successivo massimo relativo a quota 279,10 dollari. Il livello statico a quota 285,22 dollari rimane un ottimo livello al quale cercare segnali long in linea con la tendenza rialzista.
  • Intel Corporation – i corsi testano per la terza volta la trendline discedente di lungo periodo, la quale ha accompagnato i prezzi per tutta la tendenza ribassista partita dal mese di giugno. Con la candela di ieri, inoltre, si è formato un pattern inside bar. La rottura del minimo a 45,46 dollari potrebbe portare nuovamente i corsi del titolo a quota 44,06, minimo segnato con la giornata del 12 settembre.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Wall Street

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.