Viaggi Italia-estero: le nuove regole fino al 15 maggio. Dove si può andare

3 maggio 2021 - 10:19 |

Le regole per chi deve viaggiare all’estero o tornare in Italia: i Paesi in cui si può andare senza motivo di lavoro o necessità e quando è previsto l’obbligo di tampone e quarantena.

Viaggi Italia-estero: le nuove regole fino al 15 maggio. Dove si può andare

Con l’estate alle porte gli occhi sono puntati sul turismo e sulle soluzioni al vaglio dei diversi Paesi per tornare a viaggiare in sicurezza. Da mesi si parla del green pass, il certificato verde che consentirà la mobilità internazionale e che in alcuni Stati è già realtà (anche l’Italia ha introdotto il green pass Covid-19 per gli spostamenti sul territorio nazionale dal 26 aprile). Intanto, però, in tutti i Paesi vigono delle restrizioni di viaggio, che vanno dal divieto di ingresso ai cittadini provenienti dalle aree più a rischio all’obbligo di tampone e quarantena all’arrivo.

Le nuove regole dell’Italia sui viaggi da e per l’estero

In Italia le regole sugli spostamenti da e per l’estero sono contenute nel DPCM 2 marzo 2021, dove troviamo i Paesi divisi per elenchi per i quali sono previste differenti misure.

Al decreto si sono aggiunte delle ordinanze emanate dal ministro della Salute Speranza per frenare l’avanzata dell’epidemia dall’estero, come quella firmata per bloccare la variante indiana.

Fino al 15 maggio è vietato l’ingresso in Italia a chi abbia soggiornato o transitato in Brasile, India, Bangladesh o Sri Lanka nei 14 giorni precedenti. Possono entrare solo le persone con residenza anagrafica italiana da prima del 29 aprile 2021; chi è autorizzato dal Ministero della Salute per motivi di necessità; chi deve raggiungere il domicilio, l’abitazione o la residenza dei figli minori, del coniuge o della parte di unione civile; i funzionari dell’Unione europea o di organizzazioni internazionali, diplomatici, impiegati consolari, personale militare compreso quello in rientro dalle missioni internazionali, Forze di Polizia, Vigili del fuoco nell’esercizio delle loro funzioni. Vige in ogni caso l’obbligo di tampone 48 ore prima dell’imbarco e 10 giorni di isolamento in Covid hotel, più un altro tampone al termine dell’isolamento.

Spostamenti Italia/estero: dove si può andare?

Il Governo italiano consente i viaggi per turismo fuori dai confini nazionali da/verso i Paesi Ue e Schengen.

Ecco i Paesi dell’Elenco C in cui si può andare senza necessità di motivi comprovati:

Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Finlandia, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna (inclusi territori nel continente africano), Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco e Israele.

Per il rientro in Italia da questi Stati bisogna compilare un’autodichiarazione, informare del proprio arrivo il Dipartimento di Prevenzione della ASL competente ed essere muniti di certificazione di tampone molecolare o antigenico negativo effettuato nelle 48 ore antecedenti all’ingresso in Italia. In caso di mancata attestazione, si è sottoposti a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria di 5 giorni, al termine dei quali è obbligatorio effettuare un secondo tampone.

Viaggi extra Ue: le regole per il rientro in Italia

Nell’elenco di Paesi dove si può andare senza motivi comprovati di lavoro o necessità, quindi si può partire per vacanza, troviamo anche:

  • Australia
  • Nuova Zelanda
  • Repubblica di Corea
  • Singapore
  • Thailandia

Questi Stati fanno parte dell’elenco D, per i quali la normativa prevede l’autocertificazione, il test molecolare o antigenico da fare entro 48 ore prima e la quarantena di 14 giorni.

Per i Paesi dell’elenco E, in cui rientra anche il Giappone, ossia da/verso il resto del mondo, sono consentiti gli spostamenti da/verso l’Italia solo in presenza di precise motivazioni quali lavoro, motivi di salute o di studio, assoluta urgenza, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Non sono ammessi viaggi per turismo. È comunque consentito l’ingresso in Italia a questi Paesi alle persone che hanno una relazione affettiva comprovata a stabile (anche se non conviventi) con cittadini italiani/UE, Schengen o con persone fisiche che siano legalmente residenti in Italia (soggiornanti di lungo periodo), che debbano raggiungere l’abitazione/domicilio/residenza del partner in Italia. È sempre obbligatorio sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per 14 giorni.

Restano invece chiusi i confini di Brasile e Stati Uniti: vietato l’ingresso negli USA per chi nei 14 giorni precedenti sia stato in un Paese dell’Area Schengen (Italia compresa), in Regno Unito, Brasile, Irlanda, Cina, Sud Africa e Iran.

Doppio tampone e quarantena di 5 giorni: per chi?

Dal 30 marzo si è aggiunta una nuova misura restrittiva: oltre all’obbligo di sottoporsi a tampone nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia, fino al 15 maggio vige la regola per cui chi torna in Italia da un viaggio all’estero in Europa per turismo deve mettersi in isolamento fiduciario per 5 giorni, al termine del quale deve fare un secondo tampone (antigenico o molecolare) di “fine quarantena”.

La regola del doppio tampone e della quarantena di 5 giorni al rientro è prevista per chi ha soggiornato o è transitato nei 14 giorni precedenti in uno di questi Paesi:

  • Austria
  • Israele
  • Regno Unito
  • Belgio
  • Bulgaria
  • Cipro
  • Croazia
  • Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia)
  • Estonia
  • Finlandia
  • Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo)
  • Germania
  • Grecia
  • Irlanda
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Malta
  • Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo)
  • Polonia
  • Portogallo (incluse Azzorre e Madeira)
  • Repubblica Ceca
  • Romania
  • Slovacchia
  • Slovenia
  • Spagna (inclusi territori nel continente africano)
  • Svezia
  • Ungheria
  • Islanda
  • Norvegia
  • Liechtenstein
  • Svizzera
  • Andorra
  • Principato di Monaco
  • Israele

I Paesi dove non si può davvero andare

È vero che la normativa italiana consente gli spostamenti da/per i Paesi dell’elenco C e dell’elenco D senza obbligo di motivazione e verso San Marino e Città del Vaticano senza limitazioni, ma ciò non implica che questi Stati non possano porre limiti all’ingresso per i turisti italiani. Anzi, come chiarisce il sito del Ministero degli Esteri “Viaggiare Sicuri”, è sempre possibile che questi Paesi prevedano regole all’ingresso, come tampone obbligatorio o quarantena, o anche che decidano di blindare i confini.

Insomma, viaggi dall’Italia all’estero sì, ma non è detto che si possa davvero partire per il Paese in cui vorremmo andare in vacanza.

Facciamo qualche esempio.

I turisti italiani non possono andare in Portogallo, che ammette l’ingresso o il transito solamente per viaggi essenziali (motivi professionali, di studio, di ricongiungimento familiare, di salute o per ragioni umanitarie). I passeggeri in arrivo da tutti i Paesi, compresa l’Italia, sono tenuti a presentare un test molecolare RT-PCR al Covid-19, con risultato negativo, realizzato entro le 72 ore precedenti il viaggio, in assenza del quale non potranno imbarcarsi.

Un altro caso di Paese in cui per il Dpcm sarebbe consentito fare le vacanze ma in realtà non è possibile è la Nuova Zelanda, le cui frontiere continuano a essere chiuse tranne che per i cittadini neozelandesi e gli stranieri residenti permanenti, che comunque devono rispettare 2 settimane di quarantena obbligatoria in strutture gestite dal governo locale. Idem l’Australia, che fino al 17 giugno ha imposto la chiusura dei confini internazionali sia in ingresso che in uscita, non solo per i viaggiatori e gli stranieri residenti permanenti ma anche per i cittadini australiani. Come chiarito su ViaggiareSicuri, “Vige l’obbligo rigorosissimo di quarantena di 14 giorni in strutture designate dalle Autorità locali (in genere hotel) per il limitato numero di persone a cui viene concessa l’esenzione, autorizzate caso per caso. L’adempimento della quarantena è obbligatorio anche se si è effettuata la vaccinazione ed è strettamente monitorato dalla polizia e dalle autorità sanitarie, su base quotidiana e senza eccezione alcuna”.

Si può andare alle Seychelles dall’Italia?

Una meta molto ambita per le vacanze 2021 sono le Seychelles, che grazie a una efficace campagna di vaccinazione hanno deciso di riaprire al turismo internazionale senza quarantena, ma solo presentando un certificato di vaccinazione o di test Covid negativo.

Va fatta una precisazione. Anche se i collegamenti internazionali con le Seychelles sono attivi, la legislazione italiana al momento non consente viaggi per turismo alle Seychelles e ai Paesi dell’elenco E.

Le regole prevedono che i viaggiatori provenienti dall’Italia per comprovati motivi debbano effettuare un test molecolare non oltre le 72 ore dalla partenza e compilare la “richiesta di autorizzazione medica di viaggio” che si trova sul sito del governo delle Seychelles. La procedura per l’emissione dell’Autorizzazione Medica di Viaggio comporta il pagamento di una commissione di 45 € per ciascun viaggiatore straniero adulto e di 6,30 € per bambini sotto i 12 anni.

Per i primi 10 giorni di permanenza nel Paese, i viaggiatori provenienti dall’Italia potranno alloggiare solamente all’interno di strutture alberghiere autorizzate dalle quali non potranno allontanarsi e dove saranno condotti direttamente dall’aeroporto all’arrivo e solamente con mezzi autorizzati. Al termine dei primi 5 giorni, i viaggiatori saranno sottoposti gratuitamente a tampone: anche se negativi, potranno liberamente circolare nel Paese solo al termine dei 10 giorni dall’arrivo; se positivi saranno posti in isolamento fino al recupero dall’infezione.

Chi non ha l’obbligo di quarantena e tampone

Fatte salve le specifiche disposizioni adottate per Brasile, India, Bangladesh e Sri Lanka, sono previste alcune eccezioni all’obbligo di isolamento fiduciario, sorveglianza e o tampone per chi viaggia.

Ecco quando e per chi non si applicano le misure restrittive:

a) equipaggio dei mezzi di trasporto;

b) personale viaggiante;

c) spostamenti da e per gli Stati e territori di cui all’elenco A (Città del Vaticano e San Marino);

d) agli ingressi per motivi di lavoro regolati da speciali protocolli di sicurezza, approvati dalla competente autorità sanitaria;

e) agli ingressi per motivi di necessità e urgenza, previa autorizzazione del Ministero della salute e con obbligo di presentare al vettore all’atto dell’imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli un’attestazione di essersi sottoposti, nelle 48 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;

f) a chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle 120 ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario;

g) a chiunque transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a 36 ore, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario conformemente ai commi da 1 a 5;

h) ai cittadini e ai residenti degli Stati e territori di cui agli elenchi A, B, C e D che fanno ingresso in Italia per comprovati motivi di lavoro. Tuttavia, se nei 14 giorni precedenti l’ingresso in Italia c’è stato un soggiorno o un transito dai Paesi dell’Elenco C, il test molecolare o antigenico rimane d’obbligo.

i) al personale sanitario in ingresso in Italia per l’esercizio di qualifiche professionali sanitarie, incluso l’esercizio temporaneo;

l) ai lavoratori transfrontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza, abitazione o dimora;

m) al personale di imprese ed enti aventi sede legale o secondaria in Italia per spostamenti all’estero per comprovate esigenze lavorative di durata non superiore a 120 ore;

n) ai funzionari e agli agenti, comunque denominati, dell’Unione europea o di organizzazioni internazionali, agli agenti diplomatici, al personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, ai funzionari e agli impiegati consolari, al personale militare, compreso quello in rientro dalle missioni internazionali, e delle Forze di Polizia, al personale del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e dei Vigili del fuoco nell’esercizio delle loro funzioni;

o) agli alunni e agli studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale ritornano ogni giorno o almeno una volta la settimana;

p) agli ingressi mediante voli “Covid-tested”;

q) per le partecipazioni a competizioni sportive è consentito (anche da Austria, Brasile e Regno Unito) l’ingresso in Italia ad atleti, tecnici, giudici e commissari di gara, rappresentanti della stampa estera e accompagnatori che nei 14 giorni precedenti hanno soggiornato o transitato in Paesi o territori esteri indicati agli elenchi B, C, D ed E dell’allegato 20, inclusi i Paesi dai quali è vietato l’ingresso in Italia, alle seguenti condizioni:

  • adempimento degli obblighi di dichiarazione di cui all’articolo 50
  • presentazione al vettore, all’atto dell’imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli, della certificazione di essersi sottoposti, nelle 48 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;
  • svolgimento della competizione sportiva in conformità con lo specifico protocollo adottato dall’ente sportivo organizzatore dell’evento.

Ai fini dell’ingresso nel territorio nazionale, i bambini sotto i 2 anni sono esclusi dall’obbligo del test molecolare o antigenico.

Spostamenti tra regioni italiane e San Marino

Un’altra cosa che è utile sapere è che gli spostamenti tra San Marino e le regioni italiane che si trovano in zona rossa o arancione sono vietati, salvo che per comprovate esigenze lavorative, motivi di salute o situazioni di necessità da indicare tramite autocertificazione.

Tra le situazioni di necessità rientrano in ogni caso gli spostamenti transfrontalieri:
a) per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario oppure per condurli a sé
b) finalizzati allo svolgimento di attività sportiva agonistica autorizzata (allenamenti e competizioni)
c) per la visita alle seconde case di proprietà
d) per il ricongiungimento del coniuge/partner
e) per l’acquisito di beni di prima necessità e/o per quelli non disponibili nel proprio luogo di residenza.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories