Usare vecchi smartphone contro la deforestazione? Ci prova una start up americana

Virginia Dara

27 Giugno 2014 - 15:42

condividi

Il progetto della Rainforest Connection usa smartphone in disuso per registrare suoni anomali provenienti dalla foresta e darne allarme alle autorità competenti

Come riciclare un vecchio smartphone? La Rainforest Connection, start up di base a San Francisco, ha pensato a un device in grado di individuare pericoli di deforestazione e attività illegali di bracconaggio. Alimentato a energia solare e nascosto tra la vegetazione, il sistema permetterà di ascoltare i suoni della foresta, registrane di anomali come motoseghe o animali ’esca’ usati dai bracconieri e darne tempestiva notizia all’autorità competente. Obiettivo? Fornire un valido aiuto a guardie ambientali, volontari o anche semplicemente tribù che già vivono e lavorano alla protezione della macchia pluviale. Se fino ad ora, infatti, le soluzioni contro la deforestazione sono basate su tecnologia a satellite, incapace di fornire aggiornamento live, impedendo di intervenire in maniera tempestiva, la promessa del sistema realizzato con smartphone fuori uso è di comunicare istantaneamente, attraverso messaggio, alle autorità preposte le coordinate del luogo e la reale identità del danno. 

L’unica pecca? Che nonostante siano camuffati tra gli alberi, i device possano essere rintracciati e disinstallati dai bracconieri. Per questo la start up starebbe lavorando anche a un sistema di allarme che avverta le autorità qualora vengano spostati dalla posizione iniziale. 

Per l’installazione dei dispositivi per il trial, che potrebbe avvenire già entro la fine dell’estate, la Rainforest Connection avrebbe scelto una foresta africana dall’estensione di oltre duecento chilometri su cui andrebbero utilizzati almeno trenta device. Per farlo e per pensare di estendere l’utilizzo anche ad altre aree pluviali in Asia e America Latina, la start up ha di recente dato il via a una campagna di crowdfunding su Kickstarter che ha per testimonial d’eccezione Neil Young. Al cantante, da sempre sensibile all’ambiente e alle soluzioni green, il compito di spiegare l’importanza della foresta nel mantenimento degli equilibri ambientali e climatici. Del resto, uno dei chiari obiettivi della Rainforest Connection è fare dei singoli cittadini stake holder del verde: per questo, ad esempio, semplicemente scaricando l’app gratuita legata al progetto chiunque potrà presto ascoltare e vigilare sui rumore della foresta tropicale di Sumatra. 

Argomenti

Iscriviti a Money.it