Udienza preliminare: significato del Gup e ruolo nel codice di procedura penale

icon calendar icon person
Udienza preliminare: significato del Gup e ruolo nel codice di procedura penale

Udienza preliminare: qual è il significato e cosa vuol dire? Ecco una spiegazione della procedura penale, indicando anche a cosa serve il Gup per la determinazione di un reato.

L’udienza preliminare si tiene davanti al Gup ed è regolata dal codice di procedura penale (artt. 416-433). Il suo significato è quello di evitare che si instauri un processo per reato senza un’accurata valutazione dei fatti.

Chi partecipa necessariamente all’udienza preliminare, oltre al Gup, è il pubblico ministero e il difensore dell’imputato. Al suo termine può essere disposto il rinvio a giudizio o la sentenza di non luogo a procedere per il reato.

Ecco cosa vuol dire udienza preliminare, con il significato dell’espressione e le caratteristiche principali indicate dalla legislazione in materia di procedura penale.

Cosa significa e a cosa serve l’udienza preliminare

La data dell’udienza preliminare viene fissata a seguito della richiesta di rinvio a giudizio da parte pubblico ministero. Tale atto viene eseguito al termine delle indagini preliminari, quando vengono individuati degli indizi di reato tali da poter avviare un processo penale.

La richiesta di rinvio a giudizio non implica però che l’indagato dovrà effettivamente sostenere un processo, anche se sarà invitato a comparire davanti ad un giudice.

A filtrare se la richiesta del pubblico ministero può avere un tale significato sarà l’udienza preliminare. Il compito giudicare sull’ammissibilità o meno del fatto come potenziale reato sarà il Gup, il Giudice dell’Udienza Preliminare.

Il significato dell’udienza preliminare all’interno delle disposizione della procedimento penale è quella di evitare che si giunga al processo per una valutazione errata o affrettata. Il discrimine viene compiuto proprio dal Gup, che ha il compito di avallare la richiesta di rinvio a giudizio o di disporre una sentenza di non luogo a procedere.

Udienza preliminare: come si svolge

L’udienza preliminare si tiene in camera di consiglio davanti al Gup. In virtù delle disposizioni del codice di procedura penale (art. 420), devono necessariamente essere presenti sia il pubblico ministero, che il difensore dell’imputato.

L’udienza preliminare procede con la discussione alla presenza del Gup. A parlare in primo luogo sarà il pubblico ministero, che esporrà il significato e i risultati delle indagini preliminari, assieme agli elementi di prova che fondano la richiesta di rinvio a giudizio (art. 421 cpp).

In seguito il codice di procedura penale consente all’imputato di rendere dichiarazioni spontanee o di essere sottoposto ad interrogatorio. Solo in seguito nell’udienza preliminare prenderanno la parola i difensori della parte civile e, successivamente altre figure (difensore del responsabile civile, della persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria e dell’imputato).

All’interno della procedura dell’udienza preliminare può anche disposta l’accertamento delle prove mediante incidente probatorio.

Cosa succede dopo l’udienza preliminare?

Al termine dell’udienza preliminare il Gup può valutare vari scenari possibili. Il significato maggiore per l’imputato di reato è rivestito certamente dalla pronuncia del decreto che dispone il giudizio (art 419 cpp). In questo caso il Gup accetta la richiesta di rinvio a giudizio e il decorso del procedimento penale impone il passaggio al processo.

In alternativa, il Gup può disporre di una sentenza di non luogo a procedere, che farà sì che non si instauri alcun processo a carico dell’imputato. Tale sentenza può essere motivata da fattori di significato, tra cui (art. 425 cpp):

  • il fatto non è previsto come reato,
  • il fatto non sussiste,
  • l’imputato non ha commesso il fatto,
  • l’imputato non è punibile per qualsiasi causa.

Ulteriore possibilità riservata al Gup nell’ambito dell’udienza preliminare è quella di richiedere un’integrazione delle indagini, invitando il Pm di fornire ulteriori prove per completare il significato dell’accusa. In questo caso sarà fissato un nuovo termine e una nuova data per l’udienza preliminare.

Chiudi [X]