USD: rally sul dollaro, gli effetti dei dati positivi del report sul lavoro

Flavia Provenzani

06/02/2015

06/02/2015 - 18:46

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il dollaro sale dopo la pubblicazione dei dati sul report del lavoro degli Stati Uniti sopra le aspettative. La Fed rialza i tassi di interesse entro giugno? Gli effetti sul dollaro USA.

Il dollaro USA è salito contro yen e euro venerdì, dopo la pubblicazione del report sul lavoro e dei Non Farm Payrolls al di sopra delle aspettative del mercato: sono più forti ora le aspettative sulla Federal Reserve per un rialzo dei tassi di interesse intorno a metà anno.

Il dollaro sale contro lo yen giapponese a 118,38 yen, dai 117,22 yen prima della pubblicazione dei dati, in crescita dello 0,8%.
L’euro scende contro il dollaro a 1,1365 dollari, da 1,1448 dollari, in calo di circa l’1%.

L’economia americana a gennaio ha aggiunto 257.000 posti di lavoro destagionalizzato, in calo rispetto ai 329.000 del mese di dicembre, dato rivisto poi a 252.000, ma è più forte delle previsioni degli economisti a 237.000.

Il tasso di disoccupazione, calcolato in un sondaggio separato sulle famiglie, è salito al 5,7% nel mese di gennaio, rispetto al 5,6% di dicembre. Il salario medio all’ora e il tasso di partecipazione, due componenti dei dati sul lavoro che da sempre la Fed osserva da vicino, hanno visto un aumento nel mese di gennaio.

Il dollaro è aumentato velocemente contro le principali valute rivali sulla scia della pubblicazione del forte report sul lavoro negli Stati Uniti.

Grafico EUR/USD

Il risultato dei dati e le revisioni rafforzeranno probabilmente la possibilità che la Fed riconsideri un rialzo dei tassi di interesse.

«Se si continua ad assistere ancora ad un simile miglioramento del mercato del lavoro americano, si rafforzerà l’idea la Fed risollevi i tassi entro il mese di giugno: questo darà un ulteriore slancio al dollaro»

ha detto Chris Gaffney, senior market strategist alla EverBank Wealth Management.

Il dollaro sale contro le valute dei maggiori mercati da questa estate.
Gli investitori hanno spostato il loro interesse sulle attività in dollari, scommettendo che i forti dati economici degli Stati Uniti potessero convincere la Fed ad alzare i tassi di interesse per la prima volta dal 2006.

Dei tassi di interesse americani più alti attireranno ancora altri investitori sul dollaro, il che farà aumentare i rendimenti delle attività denominate in dollari.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories