Trump contro le auto tedesche di fascia alta: paura per BMW e Mercedes

Le auto tedesche potrebbero avere un futuro difficile negli Stati Uniti e risentire più di tutte dei dazi imposti sulle importazioni.

Trump contro le auto tedesche di fascia alta: paura per BMW e Mercedes

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, vorrebbe bloccare le auto di lusso delle case automobilistiche tedesche nel mercato statunitense, secondo un rapporto esclusivo della rivista tedesca WirtschaftsWoche.

Le testimonianze di diversi diplomatici statunitensi ed europei hanno ricostruito una dichiarazione che Trump avrebbe fatto al presidente francese Emmanuel Macron il mese scorso: secondo quanto riportato, il presidente americano avrebbe espresso la volontà di mantenere la sua politica commerciale con l’obiettivo di “non far circolare i modelli Mercedes-Benz lungo la Fifth Avenue a New York”.

Ne hanno immediatamente risentito i titoli di Daimler, BMW e Porsche.

Trump vs le auto tedesche di lusso

Oltre all’aumento dei dazi sull’importazione di materie prime come acciaio e alluminio, l’attenzione è ora sul settore automobilistico.

L’indiscrezione è stata rilanciata oggi, a meno di due settimane dall’avvio dell’indagine che il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti sta conducendo sulle importazioni di automobili per determinare se queste minaccino di compromettere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Ciò potrebbe portare a tariffe fino al 25% sull’importazione, come già previsto in marzo. La scelta di imporre i dazi sui metalli si ripercuote anche sui prodotti finiti del settore automotive. Un problema già venuto a galla a marzo, che avrebbe comunque coinvolto soprattutto le case tedesche premium, le più vendute in Nord America e spesso con sedi di produzione fuori dal territorio Usa.

I dazi di Trump contro BMW e Daimler

A risentire più di tutti dei dazi sarebbero BMW e Mercedes: come confermano le ricerche di Bloomberg, il mercato del Nord America apprezza soprattutto le auto del segmento premium dei due marchi tedeschi:

  • Da una parte l’aumento della tassazione sull’importazione dei prodotti finiti ostacolerebbe l’arrivo negli States di modelli best seller come la Classe S di Mercedes e la Serie 7 di BMW, tra i veicoli più apprezzati insieme alle sportive dei due gruppi;
  • Dall’altra parte i dazi sulle materie prime importate metterebbero a rischio la produzione sul suolo Usa di altrettanti modelli fondamentali, come GLE e la bavarese X5, che vengono anche esportate in Europa e Asia.

Se entrambe le condizioni dovessero essere confermate nei prossimi mesi, per il settore automobilistico europeo sarebbe una grave crisi, dal momento che il più grande mercato si ridurrebbe in modo considerevole.

Ai due colossi potrebbe aggiungersi anche il gruppo Volkswagen, che precisamente fabbrica Audi in Messico che vengono vendute negli Stati Uniti, ma dopo il Dieselgate, la tassazione sull’importazione di auto influisce minimamente sui bilanci dei Quattro Anelli.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Auto Nuove

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.