Stato di emergenza fino al 31 ottobre? Spunta nuova data

Fiammetta Rubini

14/07/2020

25/05/2021 - 13:05

condividi

Quando finirà lo stato d’emergenza in Italia? L’intenzione del Governo di posticipare la data di fine stato d’emergenza in origine fissata per il 31 luglio ha animato il dibattito e acceso le polemiche.

Dopo aver annunciato l’eventuale proroga fino al 31 dicembre - notizia che ha sollevato un vero e proprio polverone tra i banchi della politica, adesso spunta una nuova data che mette d’accordo tutti.

Giuseppe Conte è stato accusato di voler estendere lo stato d’emergenza fino a fine anno non per motivi di emergenza sanitaria, ma per poter governare senza le ingerenze del Parlamento per altri sei mesi.

Fine stato d’emergenza: 31 ottobre nuova ipotesi

Sulla proroga dello stato d’emergenza il premier avrebbe fatto dietrofront rispetto a quanto precedentemente annunciato. Non più 5 mesi, ma 3, con il 31 ottobre come nuova data ipotetica.

Al momento, comunque, si tratta di indiscrezioni. Nessuna decisione è stata presa, e l’intenzione è quella di procedere gradualmente. Come precisato da Conte, “c’è tempo per decidere fino a fine luglio e sarà una decisione che coinvolgerà tutto il Parlamento”.

Proroga stato d’emergenza: è polemica

Mentre il rumor del 31 ottobre ha suscitato reazioni più compiacenti tra le file del PD, i partiti di destra continuano a criticare a prescindere l’intenzione di prorogare lo stato d’emergenza oltre il 31 luglio. Secondo la leader di FdI Giorgia Meloni non ci sarebbero i presupposti e i veri motivi sono politici. Matteo Salvini, invece, sostiene che in due terzi dell’Italia le terapie intensive sono sotto controllo e non ci sono contagi e ricoveri.

Finché permane lo stato d’emergenza in Italia - proclamato in casi straordinari di necessità e urgenza - il presidente del Consiglio può varare norme e misure atte a contenere la diffusione del virus o a spegnere eventuali nuovi focolai. Conte potrà continuare, quindi, a emanare decreti con cui limita la libertà dei cittadini senza dover chiedere l’ok delle due Camere.

Conte è stato accusato di voler fare come Orban, che si è preso pieni poteri approfittando del coronavirus. “Io non ho né voglio pieni poteri”, ha detto il premier, aggiungendo che le elezioni regionali si terranno nella data stabilita e che il Parlamento non sarà mai scavalcato.

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it