Sorpresa Regno Unito: frena la ripresa. Bank of England più cauta?

Violetta Silvestri

13 Giugno 2022 - 15:24

condividi

Nella settimana di riunione della Banca d’Inghilterra, la crescita del Paese delude e mostra segnali di frenata non previsti. L’aumento dei tassi di Bank of England continuerà, ma con quale velocità?

Sorpresa Regno Unito: frena la ripresa. Bank of England più cauta?

L’economia del Regno Unito si è ridotta ad aprile al ritmo più rapido in oltre un anno, evidenziando i rischi che sia in corso una contrazione più ampia.

I dati aggiornati hanno evidenziato prospettive incerte per la crescita UK, con la produzione, i servizi e l’edilizia in frenata per la prima volta da gennaio 2021.

Questi nuovi numeri emersi dal Calendario Economico potrebbero spingere la Banca d’Inghilterra a muoversi con cautela nella lotta all’inflazione. Nella riunione del 16 giugno si prevede un aumento del tasso di un quarto di punto.

Il Regno Unito non cresce: i nuovi dati

Il Prodotto interno lordo è sceso dello 0,3% da marzo, quando la produzione è diminuita dello 0,1%, ha affermato lunedì l’Office for National Statistics. Gli economisti avevano previsto una crescita dello 0,1%.

La sterlina è scivolata dello 0,6% a $ 1,2238, raggiungendo il livello più basso in circa un mese. Alcuni investitori hanno frenato le scommesse che la BoE annuncerà un aumento del tasso di mezzo punto questa settimana.

Il rapporto sul Pil ha mostrato che i servizi sono diminuiti drasticamente a causa di un calo del 5,6% della spesa sanitaria. L’attività di test e tracciamento è diminuita di quasi il 70% ad aprile. Escludendo queste voci, infatti, l’economia sarebbe cresciuta dello 0,1% nel mese, ha affermato l’ONS.

Le famiglie hanno mostrato segnali di resilienza ad aprile, il mese in cui le bollette energetiche sono aumentate del 54% e le tasse sui salari sono aumentate. I settori rivolti ai consumatori sono cresciuti del 2,6%, trainati da un forte aumento delle vendite al dettaglio e dei servizi alla persona come i parrucchieri.

Tuttavia, dati più recenti mostrano anche la riduzione dei consumi in settori non essenziali a causa compressione del costo della vita.

La produzione è scesa dell’1%, con le aziende che hanno segnalato l’impatto dell’aumento dei prezzi e della carenza di forniture. Le costruzioni sono diminuite dello 0,4%.

Aprile, quindi, segna il terzo mese in cui il Pil non è cresciuto, segno evidente di un rapido indebolimento dell’economia a fronte delle pressioni inflazionistiche.

Il CBI, il più grande gruppo di lobby d’affari della Gran Bretagna, ha declassato le sue previsioni di crescita per il prossimo anno a solo l’1%. Ha chiesto al governo di aumentare gli investimenti delle imprese “per evitare che il paese sprofondasse nella recessione”.

Con l’inflazione destinata a raggiungere il picco a due cifre in ottobre, quando le bollette energetiche dovrebbero aumentare di nuovo, Bailey e i suoi colleghi non hanno altra scelta che continuare ad aumentare i tassi di interesse, anche se ciò significa peggiorare la crisi nel breve periodo. Sono preoccupati per il rischio di una spirale salari-prezzi degli anni ’70 a meno che l’inflazione non sia tenuta sotto controllo.

BoE al banco di prova: inflazione o crescita nelle priorità?

Si intensificano le stime su cosa deciderà Bank of England nella riunione del 16 giugno. “Dati i rischi per l’economia, una mossa di 50 punti base questa settimana sembra altamente improbabile: prevediamo un aumento di 25 punti base, con tassi che saliranno al 2% entro novembre”, hanno previsto analisti di Bloomberg.

Per la BoE, una mossa di un quarto di punto, come previsto, porterebbe il tasso di riferimento all’1,25%, il più alto dal 2009.

Il suo ritmo di aumento dei tassi rimane significativamente più lento rispetto ai suoi omologhi, tra cui la Federal Reserve statunitense e la Bank of Canada, che hanno aumentato i tassi di 50 punti base nelle recenti riunioni e sono destinati a fare di più.

Da ricordare, comunque, che la BoE è stata la prima tra le principali banche centrali a iniziare il rialzo dei i tassi di interesse, nel dicembre dello scorso anno, il che ha concesso ai politici un certo margine sul ritmo degli aumenti dei tassi.

Alla domanda di un sondaggio Reuters, 19 economisti su 22 hanno affermato che è più probabile che il Bank Rate finisca l’anno più in alto di quanto si aspettano attualmente piuttosto che il contrario.

L’inflazione è al massimo da 40 anni e la crisi del costo della vita che non si vedeva da tre decenni.

Il tasso di prezzi è fissato a una media dell’8,9% in questo trimestre, più di quattro volte l’obiettivo del 2,0% della BoE e rimarrà vicino a quel livello alla fine dell’anno. Si prevede che si allenterà gradualmente nel 2023, ma non si avvicinerà all’obiettivo fino alla fine dell’anno.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.