Si può lasciare l’ombrellone sulla spiaggia libera?

Lasciare l’ombrellone sulla spiaggia libera durante la notte per prenotarsi il posto migliore per l’indomani è una pratica scorretta e illegale che può far scattare il pagamento di pesanti sanzioni, il sequestro e addirittura l’arresto.

Si può lasciare l'ombrellone sulla spiaggia libera?

È usanza di molti lasciare l’ombrellone sulla spiaggia libera per accaparrarsi il posto migliore il giorno dopo ma non tutti sanno che diversi comuni italiani puniscono questa prassi fino all’imputazione del reato di “abusiva occupazione di spazio demaniale”.

Meglio quindi informarsi sui divieti esistenti nella località dove si trascorrono le vacanze: al mare non tutto è concesso. In particolare questo comportamento viene definito “apparecchiatura” della spiaggia e chi lo adotta va incontro a multe salate, sequestro e in alcuni casi addirittura arresto.

Moltissime sono infatti le regioni che decidono di punire questi comportamenti irrispettosi con norme e ordinanze. I divieti sono i più rigidi e i più disparati a seconda delle decisioni prese dalle amministrazioni: portare animali, fumare, portare via dalla spiaggia sabbia, conchiglie, sassolini, abbandonare rifiuti sul bagnasciuga.

Tra questi bisogna fare particolare attenzione alla regola per cui non è concesso di lasciare il proprio ombrellone in spiaggia perché a molti potrà suonare nuova.

Apparecchiatura illegittima

Molti sono i bagnanti che sfruttano la spiaggia libera per trascorrere le loro vacanze al mare, visto anche il recente aumento dei prezzi dell’affitto di ombrellone e lettini negli stabilimenti; ma spesso i vacanzieri non sono a conoscenza del fatto che per l’abbandono dell’ombrellone in spiaggia è possibile l’imputazione di un reato.

Molti comuni italiani infatti ritengono necessario regolamentare questa pratica per cui si tenta di prenotare il posto migliore a scapito degli altri: questo atteggiamento sottrae alla comunità l’utilizzo di uno spazio pubblico.

Tra le altre la regione Emilia Romagna ha esplicitato il divieto con l’ordinanza n.1/2018: sulle spiagge libere è vietato dopo il tramonto del sole lasciare ombrelloni, sedie, sdraio, tende, natanti o altre attrezzature.

Lo stesso divieto è stato introdotto o confermato da molti altri comuni che si sono anche premurati di avviare controlli su tutto il litorale e di eliminare tutti gli ombrelloni lasciati incustoditi o attaccati a pali e staccionate.

A dare il suo contributo agli sgomberi è intervenuta anche la Capitaneria di porto che in particolare sull’Isola d’Elba ha controllato diverse aree libere del litorale verificandone l’occupazione abusiva con numerosi ombrelloni e sdraio abbandonati dopo il tramonto.

Cosa si rischia?

Le sanzioni per la trasgressione di questo divieto non sono affatto irrisorie: chi adotta questo atteggiamento dovrà pagare multe fino a diverse centinaia di euro. Inoltre il trasgressore può incorrere nel reato di “abusiva occupazione di spazio demaniale”.

In particolare la questione è spiegata e sancita dall’art. 1161 del Codice della Navigazione che enuncia:

Si prevedono sanzioni per chiunque arbitrariamente occupa uno spazio del demanio marittimo o aeronautico o delle zone portuali della navigazione interna e ne impedisce l’uso pubblico o vi fa innovazioni non autorizzate ovvero non osserva i vincoli cui è assoggettata la proprietà privata nelle zone prossime al demanio marittimo o agli aeroporti”.

Pertanto per il semplice sfizio di accaparrarsi il posto migliore in spiaggia si rischia di passare 6 mesi in carcere o di dover corrispondere un’ammenda fino a 516 euro.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Vacanze

Argomenti:

Reato Vacanze

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.