Serie A, per i procuratori non c’è crisi: 138 milioni di compensi, Juve in testa

Alessandro Cipolla

31 Marzo 2021 - 13:06

condividi

La Figc ha pubblicato quanto i club di Serie A hanno elargito ai procuratori durante il 2020: in testa la Juventus con oltre 20 milioni, poi Roma e Milan per un totale di 138 milioni incassati dagli agenti sportivi.

Serie A, per i procuratori non c'è crisi: 138 milioni di compensi, Juve in testa

Il calcio italiano è in grande crisi economica, con i club di Serie A che vengono descritti con l‘acqua alla gola tanto da essere in difficoltà nel pagamento degli stipendi vista la mancanza di liquidità.

Con gli stadi chiusi e la querelle con Sky sui diritti televisivi, le casse infatti sono vuote e da tempo il mondo del calcio ha chiesto aiuto al Governo per “urgenti misure di intervento per compensare le perdite”.

Del resto basta dare un’occhiata ai bilanci chiusi al 30 giugno 2020 per capire quanto siano indebitati i club della Serie A, con Juventus, Inter e Roma in testa a questa particolare classifica.

Serie A, compensi ai procuratori: Juve in cima

C’è un’altra graduatoria che però non sembrerebbe conoscere crisi, nonostante una flessione rispetto al 2019. Nel 2020 infatti, stando ai dati pubblicati dalla Figc, i club della Serie A hanno versato ai procuratori sportivi in totale oltre 138 milioni.

compensi agenti 2020

Fonte Figc

Un dato in calo rispetto ai 187 milioni del 2019, ma che rimane comunque importante anche alla luce di una sessione di calciomercato estiva senza dubbio al ribasso a causa del Covid.

A questi soldi incassati dai club, si devono aggiungere altri 11,5 milioni versati dai calciatori ai propri procuratori. Anche qui c’è una flessione rispetto al 2019 quando la somma complessiva era di 13,6 milioni.

In testa a questa speciale classifica troviamo la Juventus con 20,8 milioni elargiti agli agenti nel 2020. Dopo i bianconeri ci sono la Roma con 19,2 milioni, il Milan con 14,3 milioni, il Napoli con 12,1 milioni e la Fiorentina con 9,7 milioni.

Anche le provinciali non si sono risparmiate con gli agenti sportivi: 5,8 milioni per il Sassuolo, 5,5 milioni per il Bologna, 4,8 milioni per il Parma e 4 milioni per la Sampdoria.

In Serie B invece i calciatori hanno versato agli agenti 1,3 milioni, mentre le società circa 18,9 milioni con il solo Empoli che nel 2020 ha elargito 5,5 milioni. In Serie C invece la spesa dei calciatori è stata di 650.000 euro e delle societa di 4,2 milioni anche se non è pervenuto il dato della Sambenedettese.

Iscriviti a Money.it