S&P Global vicina all’acquisto di IHS Markit per $44 miliardi

Riccardo Lozzi

30 Novembre 2020 - 15:50

condividi
Facebook
twitter whatsapp

S&P Global è vicina all’acquisto di IHS Markit per un valore di 44 miliardi di dollari. L’operazione darebbe vita al gruppo globale più importante di dati finanziari.

S&P Global vicina all'acquisto di IHS Markit per $44 miliardi

S&P Global sarebbe molto vicina all’acquisto di IHS Markit per una cifra totale di 44 miliardi di dollari, permettendo l’unione di due dei maggiori fornitori di dati finanziari in un solo gruppo, e dando vita così ad una società pronta a occupare il ruolo di leader assoluto nel settore.

Questa operazione, la quale potrebbe concludersi nelle prossime ore, rappresenterebbe l’accordo azionario più importante del 2020.

S&P Global acquista IHS Markit? Affare da $44 miliardi

L’intesa permetterebbe l’incontro tra S&P, attiva dal 1860, responsabile dei servizi di rating azionari in tutto il mondo e della realizzazione del celebre indice S&P 500, con una delle realtà più interessanti degli ultimi anni.

IHS Markit, infatti, si è costituita nel 2016 dalla fusione di IHS Inc. e Markit Ltd ed è celebre per un software in grado di annotare milioni di punti dati dei mercati finanziari.

Il programma messo a punto dalla società londinese viene utilizzato dai principali player di Wall Street, riuscendo a tenere traccia in particolare degli elementi riguardanti i settori di trasporti e energia.

Secondo alcuni esperti, la messa in relazione di questi elementi con lo storico di S&P porterebbe alla società di informazione finanziaria più importante e influente di sempre.

L’accordo azionario più importante del 2020

Inoltre, il suo valore di mercato combinato sarebbe di circa 120 miliardi di dollari, con la quota di IHS pari a 37 miliardi e quella di S&P a 82 miliardi.

Una cifra che col tempo potrebbe anche aumentare, visto che, al momento della costituzione di IHS Markit, la quotazione iniziale si attestava sui 13 miliardi di dollari, poi quasi triplicata in meno di 4 anni.

Sia S&P che IHS Markit hanno registrato dati positivi nell’ultimo trimestre, con la prima che ha visto i ricavi crescere del 9%, e la seconda che, nonostante lo shock da coronavirus subito dai propri clienti, ha incassato un aumento dei propri utili.

La società di informazione finanziaria più influente di sempre

Nuove opportunità di crescita potrebbero essere legate anche allo sviluppo del vaccino anti-Covid, il quale sta influenzando positivamente i mercati azionari di tutto il mondo dopo gli annunci delle case farmaceutiche impegnate in prima linea, tra cui Pfizer, AstraZeneca e Moderna.

La possibilità che la maggior parte delle informazioni finanziarie siano concentrate in un unico gruppo, probabilmente causerà una serie di controlli da parte delle autorità antitrust, le quali vorranno tenere d’occhio le conseguenze di questa fusione sulla libera concorrenza.

Al momento, nonostante siano stati contattati dai principali media del settore, i vertici delle due società non hanno rilasciato dichiarazioni e commenti ufficiali sull’operazione.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories