Samsung Gear VR: le 8 cose da sapere sul visore VR per Galaxy S7 e S6

Samsung Gear VR: il dispositivo per la realtà virtuale compatibile con Samsung Galaxy S7 e Galaxy S6. Conviene comprarlo? Prezzo e caratteristiche.

Samsung Gear VR: conviene comprarlo insieme al Samsung Galaxy S6 e Galaxy S7?

Nei giorni scorsi si è parlato molto del Samsung Gear VR, in quanto in occasione del MWC 2016 il creatore di Facebook, Mark Zuckerberg, ha annunciato che presto aprirà una divisione per lo sviluppo di nuove applicazioni disponibili per i Samsung Gear VR. Questa notizia non deve stupirvi, poiché dietro allo sviluppo del Gear VR c’è la Oculus, azienda che poco tempo fa è stata acquistata proprio da Facebook.

Ma cos’è il Gear VR? Questo è un dispositivo che sfrutta la tecnologia della realtà virtuale, offrendo una nuova esperienza di gioco attraverso delle applicazioni che sfruttano la visione a 96° (360° per alcuni video).

A momento, il Samsung Gear VR è uno dei visori per la realtà virtuale più famosi anche se sono ancora molti gli utenti che si chiedono come funziona e qual è il suo prezzo. Per rispondere ai vostri dubbi in questo articolo faremo chiarezza sulle caratteristiche tecniche del Samsung Gear VR, elencandovi le 8 cose che, probabilmente, ancora non sapete.

1) Il Samsung Gear VR non è il primo visore di Samsung

Bisogna specificare che il Gear VR non è il primo visore per la realtà virtuale di Samsung, poiché l’azienda sudcoreana ne aveva lanciato un altro compatibile con il Note 4.

Il nuovo Gear VR oltre ad essere compatibile con i Samsung Galaxy S6 (Flat, Edge e Edge Plus) e Galaxy S7 (Edge e Plus) è anche più leggero del 19% rispetto al precedente. Inoltre, il touchpad è stato ingrandito e di conseguenza sarà più facile utilizzarlo.

2) Il Gear VR funziona solo con alcuni Samsung Galaxy

Come abbiamo già ribadito, il Gear VR non è un dispositivo stand alone e per funzionare ha bisogno di essere utilizzato insieme ad un Samsung Galaxy S6 o al nuovo Galaxy S7 (in tutte le versioni disponibili).

Infatti, il Samsung Gear VR sfrutta le potenzialità dello schermo AMOLED dei Galaxy in quanto non è dotato di un proprio display. Quindi, se state pensando di acquistare il Gear VR vi ricordiamo che per farlo funzionare avete bisogno per forza di uno smartphone Samsung di nuova generazione.

3) Consumi

Il Samsung Gear VR non ha una propria batteria e di conseguenza verrà sfruttata quella dello smartphone con cui state utilizzando il dispositivo.

In questo caso c’è da fare un piccolo appunto: infatti, mentre nel Samsung Galaxy S7 sono stati fatti dei consistenti passi avanti per la batteria, nel Galaxy S6 l’autonomia non è sufficiente per garantire molte ore di gioco. Nel dettaglio, è stato rilevato che dopo circa mezz’ora di utilizzo, la percentuale di carica del Galaxy S6 è passata da 100% al 75%. Tuttavia, nel nuovo Samsung Gear VR è presente una porta USB con cui ricaricare comodamente lo smartphone.

4) Quanto è comodo il trackpad?

Al lato del Samsung Gear VR è presente un trackpad con cui interagire con le varie applicazioni. L’utilizzo di questa funzionalità, però, non è molto comodo e in alcuni casi si perde il coinvolgimento offerto dal dispositivo. Alcune applicazioni invece per funzionare hanno bisogno di un joypad fisico, ma anche in questo caso non c’è quel coinvolgimento che ci sarebbe stato nel caso di un joypad dotato di accelerometro.

5) Applicazioni e video in aumento

Al momento ci sono moltissimi giochi compatibili per il Samsung Gear VR e presto ce ne saranno altri. Infatti, come specificato dallo stesso Zuckerberg, quella della realtà virtuale è una tecnologia dalle forti potenzialità e per questo i principali sviluppatori del mondo stanno focalizzando il loro lavoro per sviluppare dei nuovi giochi sempre più performanti.

Per non parlare dei video; presto ci potrebbe essere in progetto quello di girare un film a 360° e renderlo disponibile per i vari visori per la realtà aumentata. Non sarebbe fantastico?

6) Non è adatto per i deboli di stomaco

Il Samsung Gear VR offre un’esperienza di gioco e visiva sensazionale, ma purtroppo non è adatta a tutti. Infatti, come a volte può succedere per la visione dei film in 3D al cinema, dopo molte ore di utilizzo del Gear VR potreste avvertire uno spiacevole senso di nausea e disorientamento.

Questo accade soprattutto per alcuni giochi, come quelli che la stessa Samsung indica con la dicitura: “esperienza adatta solo ad alcuni”. Quindi, se siete dei tipi che quando andate in un Luna Park non amate le giostre più “intraprendenti” vi consigliamo di pensarci bene prima di acquistare il Samsung Gear VR, poiché il vostro stomaco potrebbe non essere d’accordo.

7) Comodo per chi porta gli occhiali

Se avete dei problemi alla vista e siete obbligati a portare gli occhiali non dovrete per forza rinunciare al Samsung Gear VR. Il nuovo visore per la realtà virtuale permette di allontanare le lenti dal volto, lasciando il giusto spazio per la montatura degli occhiali. Inoltre, è presente un controllo per la messa a fuoco con cui è possibile regolare la visione.

8) Prezzo

Il costo del Samsung Gear VR è di 129€ (ma al momento non è disponibile sul sito dell’azienda sudcoreana). Il prezzo non è alto, ma comunque bisogna considerare che per farlo funzionare avrete bisogno anche di un Galaxy S7 o S6.

In quel caso il costo cambia, poiché se dovete acquistare sia lo smartphone che il VR allora dovrete spendere dai 600€ ai 1000€. Ne vale la pena? Probabilmente sì, poiché come abbiamo visto nelle nostre recensioni sul Galaxy S6 e sul Galaxy S7 questi sono degli smartphone caratterizzati dall’ottimo rapporto tra qualità e prezzo.

Quindi, se state pensando di sostituire il vostro smartphone allora i due Galaxy potrebbero fare al caso vostro. E dopo che li avrete acquistati sarebbe un peccato risparmiare 129€ per rinunciare alla fantastica esperienza della realtà virtuale.

Iscriviti alla newsletter Tecnologia per ricevere le news su VR (Realtà virtuale)

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories