Russia: default sempre più vicino, cosa può accadere

Violetta Silvestri

15 Marzo 2022 - 10:51

condividi

La Russia può davvero fallire? Il pagamento di $117 miliardi di interessi su due obbligazioni è in scadenza, ma cosa accadrà è ancora incerto. L’inadempienza di Mosca si tradurrà in fallimento?

Russia: default sempre più vicino, cosa può accadere

Il default della Russia è davvero vicino secondo le valutazioni di esperti e analisti.

La Russia dovrebbe pagare agli investitori un totale di 117 milioni di dollari di di interessi su due delle sue obbligazioni.

Ha un periodo di grazia standard di 30 giorni per colmare il debito. In caso non riesca nel periodo indicato, ciò costituirebbe un fallimento.

Il ministero delle finanze ha dichiarato di aver ordinato che i pagamenti fossero effettuati come al solito, ma ha affermato che la sua capacità di farlo potrebbe essere frenata dalle sanzioni occidentali contro la banca centrale russa. Il ministro russo Anton Siluanov afferma che proprio le sanzioni - introdotte all’inizio di questo mese - stanno facendo precipitare il Paese verso un “default artificiale”.

La Russia verso il default? La situazione

L’economia russa si sta logorando, la sua valuta è crollata e il suo debito è spazzatura. Il prossimo passo è un potenziale default che potrebbe costare miliardi agli investitori ed escludere il Paese dalla maggior parte dei mercati di finanziamento.

Le spie lampeggiano mentre il Governo avvia il processo di pagamento di $117 milioni di interessi su obbligazioni in dollari mercoledì 16 marzo, un momento chiave per i detentori di debiti che hanno già visto il valore dei loro investimenti crollare da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il mese scorso.

Come riportato da un’analisi di Bloomberg, Mosca afferma che pagherà, anche se accadrà in rubli fintanto che le sanzioni non consentiranno accordi in dollari.

Il mancato pagamento, o il pagamento in valuta locale anziché in dollari, avvierebbe una potenziale ondata di insolvenze su circa $150 miliardi di debito in valuta estera, dovuto sia dal Governo che da società russe tra cui Gazprom, Lukoil e Sberbank.

Un evento del genere farà rivivere i ricordi di precedenti crisi, inclusa quella in Russia nel 1998, quando è andata in default su alcuni debiti denominati in rubli, e l’Argentina tre anni dopo.

Mosca è paralizzata dalle sanzioni e dall’esodo di aziende straniere come Coca-Cola Co. e Volkswagen dall’inizio della guerra. Putin ha risposto con controlli sui capitali, limitando i deflussi di denaro per proteggere l’economia e il rublo.

Imprese e famiglie stanno affrontando una crisi economica grave e l’inflazione accelera verso il 20%. Circa la metà delle riserve valutarie del Paese - 300 miliardi di dollari - sono state congelate, secondo il ministro delle finanze.

Indipendentemente dalla politica del Cremlino sui pagamenti del debito estero, le aziende troveranno più difficile onorare i propri obblighi poiché la domanda in calo colpisce vendite e profitti.

In questa cornice, un’inadempienza sembra quasi inevitabile. I mercati degli swap hanno una probabilità del 70% circa che ciò accada quest’anno. Fitch Ratings dice che è imminente.

Cosa può succedere con inadempienza russa

Bloomberg palesa tre scenari possibili sul fronte del default russo.

Nel primo, il più rassicurante, la Russia paga in dollari e la crisi del debito è momentaneamente evitata. Gli investitori guarderanno quindi ad altri pagamenti, come un’obbligazione in dollari con scadenza il 4 aprile.

Nel secondo, Mosca adempie ma in rubli. Alcuni dei contratti obbligazionari hanno una regola incorporata che lo consente. Ma quelli con pagamenti di interessi dovuti mercoledì 16 marzo no, quindi la maggior parte degli investitori lo considererebbe un default.

Nel terzo, la Russia non paga e dopo un periodo di grazia senza adempimento, si verificherebbe il classico hard default. Mosca resta quindi bloccata fuori dai mercati fino a quando non viene posto rimedio.

Segnali di incombente danno finanziario stanno diventando evidenti in molti dei più grandi gestori di denaro del mondo, tra cui BlackRock Inc. e Pacific Investment Management Co. Ma è probabile che non si limiti a questi fondi giganti.

Poiché gran parte del debito russo è stato valutato come investment grade solo poche settimane fa, i titoli sono stati pervasivi nei portafogli e nei benchmark globali a reddito fisso, il che significa che l’impatto potrebbe ripercuotersi su fondi pensione, dotazioni e fondazioni.

“Questo sarà un default monumentale”, ha affermato Jonathan Prin, un gestore di portafoglio presso Greylock Capital Associates. “In termini di dollari, sarà l’insolvenza dei mercati emergenti più impattante dai tempi dell’Argentina. In termini di più ampio impatto sul mercato, è probabilmente il default dei mercati emergenti più avvertito dalla Russia stessa dal 1998”.

Secondo Siobhan Morden, uno stratega del reddito fisso presso Amherst Pierpont, il drammatico e improvviso salto della Russia da un’area investment grade a un’area finanziaria vietata peggiorerà le perdite per i detentori di debiti.

“Quando un default è lento e dovuto a una cattiva gestione delle politiche, è possibile ridurre l’impatto economico e contenere le perdite vendendo gradualmente le attività”, ha affermato. “Ciò che lo rende unico è che questo è uno shock molto improvviso che coglie tutti alla sprovvista”.

Tuttavia, alcuni analisti sono relativamente fiduciosi che una replica di quanto accaduto in Russia nel 1998 possa essere evitata.

Nikolaos Panigirtzoglou di JPMorgan sottolinea che gli investitori stranieri e le banche hanno già ridotto la loro esposizione alla Russia dall’annessione della Crimea nel 2014, a differenza della metà degli anni ’90, quando i fondi ad alta leva finanziaria stavano caricando sulle attività russe.

Finora, l’invasione dell’Ucraina ha innescato solo un modesto contagio in altri mercati emergenti, con conseguenze molto più significative della crisi che si sono sentite nell’impennata dei prezzi delle materie prime.

La storia della finanza, però, è disseminata di esempi di come gli effetti inaspettati di secondo ordine di eventi ampiamente previsti abbiano finito per causare calamità più ampie.

Argomenti

# Russia
# Guerra

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Selezionati per te