Riunione Fed oggi: rialzo tassi in arrivo, le previsioni

Violetta Silvestri

16 Marzo 2022 - 13:41

condividi

La riunione Fed che si conclude oggi giunge nel pieno della guerra in Ucraina e dell’inflazione galoppante negli USA. Il rialzo dei tassi, il primo di una lunga serie, è in arrivo? Le previsioni.

Riunione Fed oggi: rialzo tassi in arrivo, le previsioni

Riunione Federal Reserve oggi, 16 marzo: cosa sta per accadere nell’economia USA e, in generale, nei mercati?

Nonostante l’incertezza che circonda la guerra, la Fed dovrebbe andare avanti con il suo primo aumento dei tassi nel tentativo di frenare l’inflazione prima che diventi troppo radicata. La banca centrale, da ricordare, ha portato a zero il tasso obiettivo sui fondi federali all’inizio del 2020 per combattere la pandemia.

La conferenza stampa di Powell dopo la fine della riunione politica di oggi sarà seguita da vicino per possibili indizi su quanto possa essere aggressiva la politica monetaria nel combattere l’inflazione e se rischierà una recessione per smorzare le pressioni sui prezzi.

Cosa aspettarsi dalla riunione Fed che si concluderà oggi?

Riunione Fed oggi, 16 marzo: cosa aspettarsi sui tassi?

La Federal Reserve aumenterà i tassi di interesse questa settimana per la prima volta dal 2018, ma non si fermerà qui: questa in sintesi la valutazione della maggioranza degli analisti.

Con un aumento di 25 punti base praticamente garantito nella decisione di oggi 16 marzo, la domanda degli esperti e degli investitori è come proseguirà la strada della banca centrale USA. Ovvero, di quanto ancora e per quante volte saranno incrementati i tassi?

La situazione è assai complessa. L’inflazione è la più veloce degli ultimi 40 anni, con i prezzi al consumo balzati del 7,9% a febbraio su base annua. Ma dopo aver atteso che l’economia e il mercato del lavoro si fossero ripresi dalla pandemia, la Fed rischia anche di inasprire la politica monetaria proprio mentre la crescita sta rallentando.

La guerra ha sconvolto i piani. Le sanzioni occidentali per punire la Russia per la sua invasione dell’Ucraina hanno fatto salire alle stelle i prezzi del petrolio e di altre materie prime, aumentando l’incertezza sulla traiettoria dell’economia globale.

“25 punti base sembrano appena un primo blocco”, ha affermato Michael Schumacher, direttore della strategia dei tassi di Wells Fargo.

“La Fed è in una posizione difficile. Di giorno in giorno diventa più difficile. È difficile in qualsiasi momento, ma soprattutto quando c’è un’inflazione incredibile, e abbiamo avuto problemi con la catena di approvvigionamento per un po’, e ora sono stati esacerbati da Russia-Ucraina.”

Giovedì 10 marzo, il rendimento dei Treasury USA a 10 anni attentamente monitorato è salito al 2%. Tale rendimento è importante poiché influenza i mutui e altri prestiti ai consumatori e alle imprese. Allo stesso tempo, le azioni sono state vendute.

Nel frattempo, la benzina nell’ultima settimana è aumentata di circa 60 centesimi per gallone a una media di $4,31 a livello nazionale, secondo AAA. Il petrolio è fuori dai suoi massimi, ma viene ancora scambiato ben al di sopra dei 100 dollari al barile.

Anche altre materie prime come grano, palladio e nichel sono impennate. La Russia è un importante esportatore di materie prime e le sanzioni contro il suo settore finanziario da parte degli Stati Uniti e degli alleati hanno creato preoccupazioni per la scarsità di forniture.

Intanto, gli economisti hanno declassato le aspettative di crescita degli Stati Uniti, ma solo leggermente, e non si aspettano una recessione quest’anno. Gli esperti intervistati dalla CNBC hanno una previsione di crescita media del 3,2% per il 2022, in calo dello 0,3% rispetto alle previsioni di febbraio.

“Con il lato della domanda così forte, penso che la Fed sia bloccata. La Fed si concentra sul core, ma il mese scorso il cibo è aumentato dell′1%. È un numero enorme”, ha detto Schumacher. L’energia ha contribuito maggiormente all’aumento dei prezzi, in rialzo del 3,5% a febbraio, rappresentando circa un terzo del guadagno principale.

Molti economisti si aspettano che la Fed si attenga a rialzi dei tassi di un quarto di punto. Ma gli esperti di Citi hanno affermato che potrebbe aumentare di 50 punti base nella riunione di maggio dopo aver visto il rapporto forte previsto per marzo.

La scommessa sui mercati più gettonata, comunque, è che ci saranno almeno altri cinque aumenti in arrivo nel 2022, pur con diverse insidie.

Gli ostacoli per la Federal Reserve

Secondo alcuni analisti, Powell probabilmente dichiarerà che la Fed sarà flessibile e abile, poiché l’incertezza abbonda in mezzo alle crescenti forze stagflazionistiche.

Proprio le preoccupazioni per la stagflazione si stanno insinuando nel mercato.

“un quadro da stagflazione è plausibile. Abbiamo sicuramente influenze di stagflazione. Certo, perché accada occorrerebbe che il conflitto si allarghi oltre il suo contesto attuale. Forse questo mette l’Europa in recessione e sarebbe difficile per noi rimanere fuori da una recessione”, ha detto Michael Gapen, capo economista statunitense di Barclays.

Gapen ha affermato che i dati dovrebbero deteriorarsi affinché la Fed rallenti i suoi aumenti dei tassi. Si aspetta cinque rialzi e un inizio di riduzione del suo bilancio di circa 9 trilioni di dollari quest’anno.

Altri problemi potrebbero fermare la banca centrale USA nel suo percorso di normalizzazione dei tassi.

Diane Swonk, capo economista di Grant Thornton ha ipotizzato che se le condizioni finanziarie diventassero precarie, con le azioni in forte vendita e il congelamento dei mercati del credito, ciò potrebbe mettere in pausa la Fed. Finora, non ci sono segnali di forte stress sui mercati finanziari a causa della crisi russo-ucraina.

“Ciò che fermerebbe la Fed è una situazione che si riversasse davvero sui mercati del credito. In un certo senso, ciò crea un’inflazione peggiore ed è molto più difficile riprendersi da una crisi finanziaria. Ecco perché la Fed sta camminando sul filo del rasoio.”

Rialzo tassi quasi scontato, ma incertezza sulle future mosse e sull’entità del restringimento monetario: questa la sintesi delle aspettative sulla riunione Federal Reserve di oggi.

Si attendono anche le proiezioni economiche aggiornate, per capire quanto inflazione e crescita USA potranno ancora variare nei mesi e anni prossimi.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.