Risarcimento per tradimento: come e quando ottenerlo

Il tradimento del coniuge, oltre a determinare l’addebito della separazione, può dar luogo al risarcimento danni quando ricorrono particolari condizioni. La disciplina.

Risarcimento per tradimento: come e quando ottenerlo

Il risarcimento per tradimento ci può essere quando dall’infedeltà coniugale uno dei coniugi subisce un danno psicofisico. Il tradimento è uno degli aspetti fondamentali che il giudice deve tenere in considerazione in sede di separazione o divorzio.

Infatti dal matrimonio discende per entrambi i coniugi l’obbligo di fedeltà, con la conseguenza che se dal tradimento deriva lo scioglimento del vincolo matrimoniale, all’infedele verrà addebitata la separazione.

Oltre a questo, la Corte di Cassazione ha stabilito che quando ci sono i presupposti per l’azione risarcitoria, il coniuge tradito può chiedere il risarcimento dei danni congiuntamente all’addebito della separazione. In sostanza ciò accade quando dal tradimento derivano conseguenze psicofisiche tali da compromettere la salute dell’ex coniuge.

Tuttavia, per ottenere il risarcimento, si dovrà comunque provare in giudizio l’entità del danno ed il nesso causale con il tradimento del coniuge.

Obbligo di fedeltà: cosa accade a chi lo viola?

L’obbligo di fedeltà è un degli effetti principali che discendono dal vincolo matrimoniale. Per questa ragione, in caso di separazione e di divorzio, il tradimento è uno degli elementi che il giudice deve tenere in considerazione per determinare chi è il responsabile della fine del matrimonio e stabilire a chi attribuire l’addebito.

C’è da dire, però, che l’addebito non è una conseguenza automatica del tradimento: infatti è necessario accertare che l’infedeltà del coniuge sia stata la causa o una delle concause che hanno portato alla rottura del vincolo. Secondo gli ultimi orientamenti della giurisprudenza, se l’infedeltà avviene quando la coppia era già in crisi, il tradimento non genera l’addebito della separazione.

In ogni caso, chiedere l’addebito della separazione all’ex coniuge infedele è cosa ben diversa dal chiedere il risarcimento per tradimento. La pretesa risarcitoria, infatti, consegue alla verifica di determinati presupposti che devono essere provati dal richiedente e valutati dal giudice.

Ciò non toglie che l’addebito e il risarcimento del danno possono cumularsi tra loro.

Presupposti del risarcimento per tradimento

La Corte di Cassazione si espressa diverse volte in merito alla risarcibilità del danno provocato dal tradimento. Ogni pronuncia ha confermato che l’addebito della separazione non è sufficiente a dar luogo al risarcimento, ma occorrono i seguenti presupposti:

  • un danno effettivo alla salute, fisico o psichico;
  • il nesso causale tra il danno e la condotta infedele dell’ex coniuge.

Quindi, anche nel caso di tradimento, vengono confermati gli elementi fondamentali della richiesta di risarcimento: la violazione del dovere coniugale, il danno ingiusto e il rapporto di causa-effetto.

Oltre ai danni alla salute, la Corte di Cassazione ha dato rilevanza anche alla lesione della dignità del coniuge tradito. Questa circostanza si verifica quando il tradimento è stato così palese da provocare una concreta lesione della dignità della persona offesa, dignità che riceve tutela costituzionale.

Il risarcimento per tradimento può essere chiesto anche quando la separazione o il divorzio siano avvenuti in via consensuale ed anche in mancanza di addebito della separazione. La domanda di risarcimento dei danni, infatti, è totalmente autonoma rispetto alle altre vicende che determinano la fine del matrimonio.

Nonostante questo orientamento, non sono mancate in passato pareri diversi. Un caso eclatante fu quello del Tribunale di Roma che, nella sentenza 25 giugno 2015, affermò che il risarcimento del danno può avere luogo solo laddove ci sia stato l’addebito della separazione.

In pratica, secondo il tribunale romano, tra addebito e domanda risarcitoria c’è un vincolo di accessorietà, dal quale consegue la preclusione della domanda risarcitoria senza prima aver ottenuto l’addebito della separazione.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Risarcimento

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.