Assegno di mantenimento

L’assegno di mantenimento è un contributo economico che deve essere corrisposto da parte di un coniuge o di un genitore a favore dell’altro in caso di separazione, divorzio, o necessità.

L’istituto dell’assegno di mantenimento viene disciplinato dall’art 156 c.c. ed è un provvedimento disposto dal giudice a favore del coniuge a cui non è addebitabile la separazione e che non possa disporre di sufficienti redditi propri, ma può essere anche deciso liberamente dalle parti con la sottoscrizione di un accordo.

L’assegno di mantenimento, a differenza dell’assegno di alimenti, serve a garantire al coniuge a favore di cui viene disposto la possibilità di mantenere un tenore di vita proporzionato alla propria condizione economica.

Assegno di mantenimento, ultimi articoli su Money.it

Assegno di divorzio: si perde se l’ex coniuge va in pensione?

Pubblicato il 17 gennaio 2020 alle 16:39

Cosa succede all’assegno di divorzio e di mantenimento quando l’ex coniuge va in pensione? Si perde oppure no? L’obbligo all’assegno continua ma il suo ammontare può essere ridotto dal giudice. Cosa dice la legge.

Divorzio, come funziona e quanto costa con e senza avvocato

Pubblicato il 8 gennaio 2020 alle 13:31

Come funziona il divorzio e quanto costa? Ogni anno in Italia migliaia di matrimoni finiscono; determinare a priori costi e tempi del divorzio è molto difficile perché ci sono molte variabili da considerare. Ecco una guida.

Mantenimento, spetta anche ai figli maggiorenni?

Pubblicato il 5 novembre 2019 alle 10:31

L’assegno di mantenimento per i figli dopo il divorzio o la separazione spetta anche dopo il compimento della maggiore età. Esistono però limiti ed eccezioni a questa regola. Vediamo cosa dice la Giurisprudenza.

|