Riordino delle carriere: ufficiale entro febbraio 2017 oppure salta tutto, compreso il bonus Renzi?

Legge di Bilancio, novità Forze dell’Ordine: per il riordino si dovrà giungere ad un accordo definitivo entro febbraio, oppure rischia di saltare tutto.

Riordino delle carriere: ufficiale entro febbraio 2017 oppure salta tutto, compreso il bonus Renzi?

Legge di Bilancio 2017: per le Forze dell’ordine riordino entro pochi mesi o sarà addio per sempre?

La Legge di Stabilità, precisamente nell’articolo 52 del Titolo V, stabilisce che per il 2017 verrà stanziato un fondo da destinare al finanziamento di diversi interventi per il pubblico impiego. In sostanza, questo fondo servirà non solo per il rinnovo contrattuale che porterà ad un aumento medio di stipendio pari ad 85€, ma anche al riordino delle carriere previsto dalla legge delega n°124 del 2015.

Tuttavia, come riportato da Forzearmate.org, c’è il rischio che se il riordino non sarà approvato entro pochi mesi le Forze Armate perderanno il bonus Renzi da 80€.

Come è possibile? Entro quando ci dovrà essere il riordino delle carriere? Facciamo chiarezza analizzando quanto previsto dalla Legge di Bilancio per le Forze dell’Ordine.

Legge di Bilancio: per cosa verrà utilizzato il fondo stanziato per il pubblico impiego?

Il comma 1 dell’articolo 52 (Titolo V della Legge di Bilancio) stabilisce che per finanziare quanto previsto dai commi 2,3,4,5 saranno stanziati 1,92 miliardi di euro per il 2017 e 2,63 miliardi per il 2018.

Tuttavia, quanto stanziato dalla Legge di Bilancio servirà per finanziare diversi interventi, come ad esempio:

  • rinnovo del contratto per il personale della Pubblica Amministrazione;
  • nuove assunzioni per Polizia di Stato, Vigili del Fuoco e delle altre Forze armate;
  • nuove risorse per le amministrazioni dello Stato;
  • riordino delle carriere.

Soffermiamoci per un attimo su quest’ultimo punto. La norma prevede che questi fondi serviranno per finanziare quanto stabilito dalla legge delega in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche (n°124 del 2015) per la revisione della disciplina in materia di reclutamento, stato giuridico e progressione in carriera del personale delle forze di Polizia. Inoltre, questi fondi serviranno per mettere in atto quanto stabilito dalla legge n°244 del 2012 riguardo al riordino dei ruoli del personale delle Forze di Polizia e delle Forze Armate.

Il problema, secondo quanto riportato da Forzearmate.org, è che o ci sarà il riordino oppure la proroga degli 80€ di Renzi. Questi tra l’altro sarebbero stati prorogati solamente per il 2017, dopodiché bisognerà dire addio agli 80€ in busta paga.

Quindi, nel caso in cui il riordino, la cui decadenza è prevista per febbraio 2017, non ci sarà, le Forze di Polizia non solo perderanno gli 80€ (a partire dal 2018), ma anche quella possibilità di riordino delle carriere attesa da più di 16 anni.

Una notizia che, se confermata, non farà certamente piacere alle forze di Polizia che speravano nel riordino per ottenere un aumento di stipendio utile al fine dell’incremento pensionistico. Inoltre, con il riordino ci sarebbe un innalzamento nella qualifica per tutti i gradi, come possiamo vedere nella bozza del progetto che vi abbiamo mostrato alcune settimane fa.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro"

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.