Renzi torna in campo: “Sarò in piazza il 30 settembre, opposizione dura”

A Circo Massimo torna a parlare Matteo Renzi: critiche al governo e conferma della sua presenza alla manifestazione del 30 settembre, ma niente candidatura.

Renzi torna in campo: “Sarò in piazza il 30 settembre, opposizione dura”

Continuano a essere negativi i sondaggi per il Partito Democratico e allora scende in campo ancora lui, Matteo Renzi, per cercare di serrare le fila dei dem annunciando la sua presenza in piazza alla manifestazione del 30 settembre.

Un chiaro segnale di come l’ex premier intenda fare “opposizione dura” al governo Lega-Movimento 5 Stelle, continuando però a escludere una sua possibile nuova candidatura al Congresso per la segreteria del PD.

Renzi in piazza

Intervistato dal programma Circo Massimo in onda su Radio Capital, Matteo Renzi ha confermato il sentore di come alla fine intenda svestire i panni del “semplice senatore di Scandicci” per rimettere ancora quelli del leader.

Con un Partito Democratico che ancora sbanda e non riesce a riorganizzarsi, ecco che a cercare di strigliare i dem ci pensa l’ex segretario che ultimamente, in ogne media, è particolarmente attivo e presente.

E’ fisiologico dopo sei mesi dalle elezioni - ha spiegato Renzi - sei mesi di analisi della sconfitta sugli errori che abbiamo fatto, messi da parte questi sei mesi, se adesso si inizia a fare opposizione non mi sembra una cattiva idea”.

Una sorta di gong per i dem finora autori di una opposizione abbastanza letargica e poco ficcante, giocata tutta sui social e in attesa della manifestazione di Roma del 30 settembre organizzata contro il governo.

In piazza ci sarà anche Matteo Renzi come da lui confermato: “Spero che nelle prossime settimane continui la voglia di farsi sentire. Basta rassegnazione. Abbiamo fatto sei mesi di autoanalisi ora basta. Se aspettiamo Salvini e Di Maio siamo finiti. Quindi in piedi e basta polemiche”.

Il tempo dell’analisi e dei tentennamenti quindi deve finire per il senatore, anche perché l’ex sindaco di Firenze annuncia che nei prossimi mesi il Partito Democratico dovrà mettere in campo un’opposizione dura.

Un governo quello Lega-Movimento 5 Stelle che “ha fatto promesse con assegni a vuoto e che ha una visione anti-lavoro e anti-economica”, con Renzi che poi punta il dito contro “tutti provvedimenti che al momento sembrano scomparsi dall’orizzonte delle cose possibili, ma anche all’annunciato intervento sulla chiusura domenicale degli esercizi commerciali”.

Chiosa finale poi sul Congresso del Partito Democratico, con Matteo Renzi che ribadisce la sua volontà di non candidarsi di nuovo per la segreteria: “Non vi libererete di me, ma era riferito a chi in maggioranza dice il Pd è morto e Renzi è finito”.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Matteo Renzi

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.