Regno Unito: Boris Johnson mai così a rischio

In seguito alla cattiva gestione del Covid-19 e la recessione del Regno Unito, la leadership di Boris Johnson sembrerebbe a rischio. Gli ultimi sondaggi di YouGov e la situazione britannica.

Regno Unito: Boris Johnson mai così a rischio

Boris Johnson non è stato mai così a rischio per il ruolo di primo ministro. Il leader dei conservatori inglesi sembra trovarsi in una fase di stallo della sua carriera politica, dopo la cavalcata che l’ha visto trionfare alle elezioni per il sindaco di Londra, al referendum sulla Brexit e, lo scorso anno, alle politiche del Regno Unito.

Sondaggi e coronavirus, Boris Johnson rischia

Gli ultimi sondaggi di YouGov, danno i tory a solo 2 punti di vantaggio rispetto al partito laburista. Inoltre, lo stesso istituto statistico aveva mostrato lo scorso giugno come Johnson e il suo governo detenessero il punteggio più basso al mondo sulla gestione della crisi del Covid-19.

Sondaggi partiti UK YouGov
Sondaggi di YouGov partiti Regno Unito

Proprio sulla pandemia avevano destato scalpore le sue parole e la sottovalutazione iniziale del rischio degli effetti che questa avrebbe potuto portare nel Paese, salvo poi cambiare rotta ordinando la quarantena e risultare lui stesso positivo al virus.

Inoltre, al momento la Gran Bretagna si trova ufficialmente in recessione economica e il numero dei contagi da coronavirus è ancora critico.

A questa situazione interna si aggiunge anche il possibile no-deal con l’Unione Europea, con cui l’accordo post-Brexit sembra ancora in alto mare. Ciononostante c’è ancora la speranza di raggiungere un’intesa sulle politiche commerciali entro il mese prossimo.

Regno Unito: governo cade prima delle elezioni?

Secondo alcuni osservatori britannici, questi sarebbero solo alcuni di una serie di campanelli che dovrebbero mettere in allarme l’inquilino di Downing Street, non solo in vista delle prossime consultazioni elettorali previste nel 2024.

Tra questi c’è Steven Fielding, professore di storia politica dell’Università di Nottingham, che ha detto a Newsweek che “non è dato per scontato che si arrivi al termine naturale della legislatura”.

Uno scenario molto complicato, quindi, quello in cui si sta muovendo negli ultimi giorni Boris Johnson che vede la sua leadership vacillare nonostante abbia numeri solidissimi alla Camera dei comuni, con la maggioranza assoluta dei parlamentari conquistata nel dicembre 2019.

Il futuro di Boris Johnson

A questo punto, leggendo le parole degli opinionisti, il primo ministro inglese dovrà riuscire a imprimere una svolta alla sua azione di governo.

Infatti, come affermato dall’amministratore delegato di Ipsos MORI Ben Page, “Vedendo i dati attuali niente gli impedisce di competere e forse vincere nel 2024”.

Ormai, però, abbiamo potuto osservare come quattro anni in politica nelle democrazie occidentali possano essere pieni di sorprese e clamorose cadute. Ci si chiede quindi se Johnson riuscirà a essere una delle poche eccezioni in grado di conservare la propria leadership nei prossimi quattro anni.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories