Reato di stupro: disciplina, pena e prescrizione della violenza sessuale

Stupro: disciplina, pena, prescrizione e circostanze aggravanti del reato di violenza sessuale. Cosa dice la legge.

Reato di stupro: disciplina, pena e prescrizione della violenza sessuale

Lo stupro è il reato disciplinato dall’articolo 609 bis e seguenti del Codice Penale e si articola in due fattispecie principali:

  • la violenza sessuale per costrizione della vittima;
  • la violenza sessuale per induzione, cioè approfittando dell’inferiorità fisica o psichica della persona offesa.

La pena prevista è la reclusione da 5 a 10 anni, aumentata fino a 12 anni nelle ipotesi aggravanti che andremo ad elencare.

Stupro, cosa dice il Codice Penale: l’articolo 609 bis

Nel nostro ordinamento, la violenza sessuale, anche detta stupro, è un delitto contro la libertà individuale. La sua disciplina è contenuta dall’articolo 609 bis del Codice Penale, che dice:

“Chiunque, con violenza o minaccia o mediante abuso di autorità costringe taluno a compiere o subire atti sessuali è punito con la reclusione da cinque a dieci anni.
Alla stessa pena soggiace chi induce taluno a compiere o subire atti sessuali:

1) abusando delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della persona offesa al momento del fatto;

2) traendo in inganno la persona offesa per essersi il colpevole sostituito ad altra persona.

Nei casi di minore gravità la pena è diminuita in misura non eccedente i due terzi."

L’articolo in questione ha il fine di tutelare la libertà sessuale individuale, non più in attinenza alla moralità pubblica e al buon costume ma come espressione della libertà sessuale.

Le condotte prese in considerazione dal Codice Penale sono due:

  • la violenza sessuale per costrizione, realizzata per mezzo di violenza, minaccia o abuso di autorità;
  • la violenza per induzione, attuata mediante abuso delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della persona offesa o mediante inganno, per essersi il colpevole sostituito ad altra persona.

Violenza sessuale: le circostanze aggravanti

Come abbiamo evidenziato, l’art. 609-bis del Codice Penale prevede la pena della reclusione da 5 a 10 anni per:

  • chiunque con violenza o minaccia o mediante abuso di autorità costringe taluno a compiere o subire atti sessuali;
  • chi induce taluno a compiere o subire atti sessuali abusando delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della persona offesa al momento del fatto o traendo in inganno la persona offesa per essersi il colpevole sostituito ad altra persona.

L’ultimo comma della predetta disposizione stabilisce una diminuzione della pena non eccedente i due terzi per i casi di minore gravità. Quali sono, invece, le circostanze aggravanti?

Scendiamo nei dettagli. La legge prevede la reclusione da 6 a 12 anni se il fatto è stato commesso:

  • nei confronti di una vittima con meno di 14 anni;
  • con l’uso di armi, sostanze alcoliche, narcotiche o stupefacenti;
  • da chi simula la qualità di pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio;
  • su persona sottoposta a limitazioni della libertà personale;
  • su persona che non ha compiuto 16 anni e della quale il colpevole sia ascendente, genitore (anche adottivo) o tutore;
  • all’interno o nelle immediate vicinanze di istituto di istruzione o di formazione frequentato dalla persona offesa;
  • nei confronti di donna in stato di gravidanza;
  • nei confronti del coniuge, anche separato o divorziato, ovvero verso colui che è stato legato da relazione affettiva, anche senza convivenza con il colpevole;
  • da persona che fa parte di un’associazione per delinquere e al fine di agevolarne l’attività;
  • con violenze gravi o se dal fatto deriva al minore, a causa della reiterazione delle condotte, un pregiudizio grave.

Invece, se la vittima ha meno di 10 anni la legge prevede la reclusione da 7 fino a 14 anni.

Prescrizione

L’articolo 609-septies del Codice Penale prevede che lo stupro sia perseguibile a querela di parte. Per presentare tale querela, la vittima ha a disposizione 6 mesi dalla data del reato.

Dunque, oltre la scadenza dei 6 mesi, il reato non è perseguibile. Se la vittima presenta querela nei tempi stabiliti il reato può comunque andare in prescrizione, regolata da articolo 157 del Codice Penale.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Reato

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.