Quanto costa rifare un bagno?

Giorgia Bonamoneta

22 Dicembre 2021 - 00:10

condividi

Il bagno è vecchio e vuoi ristrutturarlo? Il costo di una ristrutturazione non è mai economico. Ecco una breve guida su quanto costa rifare il bagno.

Quanto costa rifare un bagno?

Rifare il bagno è un passo importante. Dall’esterno, per chi non conosce il mondo della ristrutturazione, si può pensare che rifare il bagno possa avere un costo contenuto. In realtà il bagno è una stanza costosa, con elementi come piatto doccia, lavandino, wc che hanno prezzi piuttosto elevati.

Rifare il bagno può costare in media circa 5 mila euro, ma è un prezzo che va misurato e differenziato in base a molte variabili, prima fra tutti la dimensione del bagno. In questo articolo troverete una tabella dei costi per metro quadro.

Per rifare il bagno quindi non c’è un prezzo fisso e ad aumentare o abbassare il costo c’è il numero di lavori da svolgere. Allargare il bagno ha un costo elevato, ma anche rifare le tubature o il sistema elettrico può far aumentare le spese. Vediamo quali sono le fasi della ristrutturazione, quanti giorni servono e qual è il costo per questo genere di ristrutturazione.

Quanto costa rifare un bagno: le fasi di ristrutturazione

I lavori di ristrutturazione della propria abitazione non sono mai abbastanza economici. Scendere sotto un certo preventivo vuol dire perdere in qualità dei materiali o della mano d’opera. Risparmiare in alcune situazioni, come la ristrutturazione, ma anche la costruzione stessa di una casa, può voler dire solo diminuire i tempi necessari per una nuova manutenzione.

Cerchiamo di capire quali sono i costi e le fasi della ristrutturazione, in particolare queste ultime. Se una o più fasi si possono saltare, il costo finale si abbassa di molto. Ecco quindi le 5 fasi della ristrutturazione del bagno. Si dividono in:

  • rimozione del pavimento e del massetto (prezzo approssimativo pari a 20 – 50 € al mᒾ);
  • installazione dell’impianto idraulico ed elettrico (prezzo approssimativo pari a 700 – 1000 €);
  • realizzazione di un nuovo massetto (prezzo approssimativo pari a 4 – 8 € al mᒾ);
  • posizionamento di piastrelle, pavimenti e sanitari (prezzo approssimativo pari a 800 – 1300 €);
  • imbiancatura pareti (prezzo approssimativo pari a 6 – 12 € al mᒾ).

A queste fasi di aggiunge la fase facoltativa dell’ampliamento degli spazi e quella, sempre facoltativa, dell’acquisto di nuovi sanitari più o meno costosi. Per risparmiare sulla ristrutturazione si può pensare di riutilizzare o aggiustare qualcosa. Per esempio le piastrelle potrebbero essere ancora buone e di un colore adatto al nuovo aspetto del bagno.

Rifare un bagno: tempistiche dei lavori

Le tempistiche dei lavori di ristrutturazione del bagno sono in una fascia breve-media. Molto dipende da quante delle fasi sopra descritte bisogna affrontare. Nel caso di piccoli interventi ci possono volere appena due-tre giorni, in altri casi anche fino a 10 giorni lavorativi. Questo perché ogni fase ha bisogno di più di un giorno. Per esempio posare il pavimento ha un tempo di lavoro di 2 giorni, dalla posatura all’asciugatura.

I tempi nella media sono di un massimo di 10 giorni, ma potrebbero esserci degli imprevisti. Le tubature sono, solitamente, uno degli aspetti più complessi da lavorare e anche i più imprevedibili. Bisogna assicurarsi, se si vive nella casa al momento della ristrutturazione, di avere un piano B per l’uso del bagno.

Rifare un bagno: quanto costa?

Nella tabella il prezzario di un bagno di 7 mq diviso per fasce. La più economica corrisponde a un lavoro più breve, a quella alta una ristrutturazione completa in tutte e cinque le fasi sopra descritte.

Per bagno di 7 mq DA A
Fascia economica 1.600€ 2.000€
Fascia media 2.300€ 3.500€
Fascia alta 2.600€ 5.000€

Nel dettaglio la demolizione di piastrelle, pavimento, sanitari etc può arrivare a costare fino a 1.000 euro, mentre la sostituzione dell’impianto idraulico intorno ai 200 euro (punti acqua cadauno). Verniciare le pareti ha un costo fino a 400 euro, mentre installare i sanitari può costare anche fino a 1.200 euro.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it