Quanto consuma un albero di Natale?

Giorgia Bonamoneta

11 Dicembre 2021 - 14:33

condividi

Esiste un compromesso tra illuminare la casa per le feste natalizie e risparmiare sulla bolletta della luce? Sì, esiste. Ecco quanto consuma un albero di Natale e come risparmiare.

Quanto consuma un albero di Natale?

L’8 dicembre molte famiglie hanno, come da tradizione, addobbato le proprie abitazioni, dentro e fuori, con festoni, palline e lucine. C’è anche chi, per paura dell’aumento in bolletta del prezzo dell’energia elettrica, ha risparmiato sulle luci di Natale.

Un albero di Natale più sobrio, un ingresso meno luminoso non sono però obbligatori per risparmiare. Infatti il costo in bolletta delle luci di Natale non è così alto. Vediamo insieme quanto consumano un albero di Natale e le luci decorative in più sulla bolletta.

Quanto costa il Natale in bolletta?

Natale si avvicina, i regali sono stati già tutti comprati e in molte case le decorazioni già illuminano gli spazi interni o esterni. In particolare è l’albero di Natale l’addobbo più comune, quello che non manca in nessuna casa.

Proprio per questo durante il periodo natalizio i consumi energetici crescono fino al 30%, ma non è colpa delle decorazioni luminose. Infatti la maggior parte dei consumi proviene da un maggior utilizzo degli elettrodomestici, come forno e robot da cucina.

Quest’anno, anche in previsione dell’aumento in bolletta, qualche famiglia potrebbe aver deciso di non inserire le classiche illuminazioni sull’albero e risparmiare. Ma non c’è nulla da temere: le decorazioni natalizie non pesano così tanto in bolletta con i giusti accorgimenti. Se si vuole risparmiare, esistono diversi trucchetti per abbassare la bolletta che non impediscono di illuminare casa a Natale.

Quanto costa il Natale in bolletta: il consumo dell’albero di Natale

Su un albero di Natale, oltre a palline e festoni, si mettono sempre anche le classiche lucine. L’albero può rimanere acceso anche molte ore al giorno, dalle 6 alle 8 ore, se non di più. Ma quanto consuma?

Usare luci di Natale a LED, non a lampadina, fa diminuire la spesa in bolletta del 90%. Rinnovare le luci, non solo quelle di Natale, è un modo per vedere il prezzo finale della bolletta abbassarsi di diversi euro.

Infatti una normale striscia di lucine di vecchio tipo, a incandescenza, se viene tenuta accesa per 30 giorni, può costare fino a 15 euro in bolletta. Se facciamo lo stesso ragionamento su due o tre strisce, ecco che il prezzo in bolletta aumenta anche fino a 50 euro al mese.

Quanto costa il Natale in bolletta: le luci a LED

Le luci a LED, non solo di Natale, sono in grado di far risparmiare molti euro in bolletta. Quindi il primo passo è: rinnovare le luci.

Attenzione: le luci devono avere un marchio di garanzia e sicurezza, come CE (prodotto regolamentato nell’Unione europea); lampadine prodotte in altre zone del mondo potrebbero causare una maggior dispersione, e quindi un consumo maggiore, se costruite con materiali scadenti.

In questo modo il costo delle luci di Natale sull’albero di abbassa di molto. Riportiamo un esempio:

Consumo dichiarato per una decorazione è di 6W e se questa rimane accesa un’ora, il consumo orario sarà di 6Wh.
Se la decorazione rimane accesa per 8 ore al giorno per 20 giorni, per un totale di 160 ore, il consumo totale sarà di 960Wh.
Supponendo che il costo medio di un 1kWh (chilowattora) è di 0,20 euro, il costo della decorazione elettrica a LED, per 8 ore al giorno per 20 giorni, sarà di 0,192 euro.

Meglio ancora, se il festone luminoso è su un albero all’esperto, si può pensare di usare luci a LED alimentate da un piccolo pannello solare. Il costo in questo caso è pari a zero euro in bolletta, a fronte di una spesa iniziale un tantino più alta per l’acquisto delle luci a LED.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# Natale

Iscriviti a Money.it