Quante persone in auto: regole da rispettare nella Fase 2 in macchina, moto e bici

Quanti passeggeri possono stare in automobile, moto e in bicicletta? Occorre distinguere tra conviventi e non. Ecco le regole dal 3 giugno su distanze di sicurezza e mascherina.

Quante persone in auto: regole da rispettare nella Fase 2 in macchina, moto e bici

Nella Fase 2 ci si può spostare in macchina anche in due o più persone, a patto che venga rispettata la distanza di almeno un metro tra i passeggeri (cosa che può dipendere dalla tipologia e dalla capienza dell’autovettura).

Ma quali regole deve rispettare chi sale a bordo?

I passeggeri devono essere ben distanziati tra loro e indossare la mascherina, misure che non valgono tra conviventi ma che invece sono obbligatorie tra congiunti, fidanzati non conviventi e amici.

In moto, in motorino e in bicicletta, invece, è vietato trasportare altre persone che non facciano parte del nucleo familiare, dato che non sarebbe possibile mantenere il distanziamento di almeno 1 metro tra i passeggeri.

Chi viaggia da solo non è obbligato ad indossare la mascherina, stessa cosa in bici e in moto.

Da mercoledì 3 giugno saranno consentiti gli spostamenti interregionali senza autocertificazione e con ogni mezzo, pubblico e privato. Per viaggiare in sicurezza restano in vigore le regole sul distanziamento a bordo.

Quanti passeggeri in auto nella Fase 2?

Le FAQ del Ministero non indicano con esattezza il numero di passeggeri ammessi a bordo; si limitano a ribadire che tra il guidatore e i passeggeri deve essere garantita la distanza di almeno un metro. Quindi verosimilmente in macchina non potranno essere a bordo più di due o tre persone al massimo.

Guidatore e passeggeri devono indossare la mascherina protettiva, meglio ancora se si viaggia con un finestrino abbassato.

Queste rigide regole non valgono per i conviventi: questi possono stare in macchina anche senza mascherine e distanziamento sociale.

E in moto?

In moto o in motorino è impossibile mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro tra il guidatore e il passeggero. Quindi, qualsiasi sia il motivo dello spostamento, non si può fare un giro con un amico o un congiunto non convivente e accompagnarlo a fare una commissione.

Le cose cambiano tra conviventi: chi vive sotto lo stesso tetto può viaggiare in moto in due, senza limitazioni e rischio di incorrere in sanzioni, esattamente come previsto nel caso dell’automobile.

In bici in 2 si può?

Nella Fase 2 la bicicletta potrà essere utilizzata sia come mezzo di trasporto per andare al lavoro, a fare la spesa o altre commissioni, che per l’attività sportiva-ricreativa, anche lontano da casa.

In questo caso non è fatto divieto guidare la bici con a bordo il figlio piccolo nell’apposito seggiolino dato che valgono le norme sui conviventi, per i quali sarebbe inutile e paradossale mantenere la distanza di sicurezza al di fuori dell’abitazione.

Invece rispetto agli altri ciclisti in strada bisogna sempre mantenere almeno un metro di distanza.

Per incentivare l’utilizzo della bici in alternativa ai mezzi pubblici, nel Dl Rilancio è stato inserito il bonus per l’acquisto di bici e monopattini elettrici.

Dove si può andare in auto, bici o in moto?

Rispetto alla Fase 1, i cittadini a partire dal 3 giugno 2020 hanno molte libertà in più, da usare con cautela e buonsenso.

La mobilità viene ampliata: adesso è possibile spostarsi su tutto il territorio nazionale, senza autocertificazione e quindi senza un motivo specifico. Si potrà viaggiare tra regioni per andare a trovare un congiunto, un amico o fare un gita fuori porta.

Nessuna limitazione per chi viene dalle regioni del nord più colpite dal virus: il via libera è su scala nazionale e i governatori non possono imporre discriminazioni in base al luogo di provenienza.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Coronavirus

Argomenti:

Reato Coronavirus Fase 2

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.