Pensione quota 41: si può raggiungere versando contributi volontari?

Lorenzo Rubini

15 Gennaio 2021 - 13:09

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La pensione quota 41 è riservata esclusivamente ai lavoratori precoci che abbiano maturato i 41 anni di contributi e che appartengano ad uno dei profili di tutela.

Pensione quota 41: si può raggiungere versando contributi volontari?

La pensione quota 41 è un trattamento previdenziale dedicato esclusivamente ai lavoratori precoci, ovvero coloro che hanno versato almeno 12 mesi di contributi prima del compimento dei 19 anni di età. Per l’accesso sono necessari almeno 41 anni di contributi totali versati e l’appartenenza ad uno dei profili tutelati dalla normativa.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno,
ho 56 anni, Vi scrivo per sapere se ho la possibilità di andare in pensione con Quota 41 anni di contributi.
Attualmente sono in Naspi per 24 mesi, la quale terminerà ad Aprile 2021. In quel momento avrò maturato complessivamente 39 anni e mezzo di contributi versati, Naspi compresa. Avevo perso il lavoro nel Febbraio 2019 a causa di una invalidità che non mi consentiva più di svolgere il lavoro di magazziniere. Nel frattempo mi e’ stato riconosciuto dal’Inps l’assegno ordinario di invalidita’ (attualmente sospeso in quanto percepisco la Naspi) per la riduzione della capacita’ lavorativa a meno di un terzo.
Ora quello che vorrei sapere e’ se al termine della Naspi, ad Aprile 2021, posso versare i contributi volontari, essendo in quel momento disoccupato ed essendo stato anche un lavoratore precoce, per 1 anno e mezzo cosi’ da poter raggiungere un totale di 41 anni di contributi che mi consentirebbero di andare in pensione usufruendo di Quota 41.
Vi ringrazio dell’attenzione e nell’attesa di una Vs. risposta, colgo l’occasione per porgere distinti saluti.”

Pensione quota 41 con contributi volontari

Al termine della Naspi, certamente potrà procedere a richiedere l’autorizzazione alla prosecuzione volontaria per il periodo che la separa dal raggiungimento dei 41 anni i contributi.

La pensione quota 41 per lavoratori precoci, infatti, può essere raggiunta anche versando i contributi volontari. Questi ultimi infatti possono essere versati da lavoratori dipendenti ed autonomi, lavoratori parasubordinari, liberi professionisti, lavoratori dei fondi speciali che non stanno versando contributi obbligatori, ma anche dai titolari di assegno ordinario di invalidità p pensione indiretta (come ad esempio reversibilità).

Esclusi dalla possibilità di versare i contributi volontari solo coloro che percepiscono pensione diretta.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories