Pensione quota 41: l’anno di contributi prima dei 19 anni può essere versato con contributi volontari?

Pensione quota 41 precoci, non solo 41 anni di contributi ma precisi vincoli su quelli versati prima del compimento dei 19 anni.

Pensione quota 41: l'anno di contributi prima dei 19 anni può essere versato con contributi volontari?

La pensione quota 41 è esclusivamente rivolta a coloro che hanno iniziato a lavorare in giovane età e che possono vantare almeno 12 mesi di contributi versati prima del compimento dei 19 anni di età.

Ma non basta, per poter accedere alla quota 41 il lavoratore precoce deve trovarsi anche nella condizione di tutela prevista dalla legge, ovvero una delle seguenti:

  • lavoratore disoccupato a seguito di licenziamento, anche collettivo, che abbia terminato di fruire da almeno 3 mesi dell’intera Naspi spettante
  • lavoratore invalido con percentuale pari o superiore al 74%
  • lavoratore caregiver che assiste, da almeno 6 mesi, un familiare convivente con handicap grave in base alla legge 104 del 1992
  • lavoratore addetto a mansioni gravose o usuranti

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno volevo sapere cortesemente se posso versare un anno di contributi volontari inerenti come lavoratore precoce, essendo invalido civile.Grazie”

Pensione quota 41 e lavoro precoce

Se è in possesso di almeno 41 anni di contributi ed ha invalidità pari o superiore al 74% potrebbe accedere alla pensione con la quota 41 solo se rientra nella categoria dei lavoratori precoci.

Per essere riconosciuto come lavoratore precoce, però, è necessario dimostrare che si è lavorato da prima dei 18 anni di età e che almeno 12 mesi di propri contributi siano stati versati prima del compimento dei 19 anni.

L’anno di contributi che permette al precoce di essere riconosciuto come tale, però, deve derivare da lavoro effettivo e non può essere riscattato o versato volontariamente. Non concorrono al raggiungimento dei requisiti, tanto per chiarire, neanche i contributi figurativi derivanti dal riscatto dell’anno di servizio militare poichè non derivano da effettiva attività lavorativa.

I contributi volontari, tra l’altro, non possono essere versati per periodi pregressi visto che gli stessi vanno versati, trimestre per trimestre per i periodi presenti (è consentito il versamento del semestre prima dell’inizio della prosecuzione solo nel caso che lo stesso non sia già coperto da contribuzione).

Se, quindi, non ha svolto lavoro effettivo da cui sia derivata contribuzione prima del compimento dei 19 anni non può recuperare in nessun modo questo requisito.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti:

Quota 41

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO