Pensione di reversibilità del nonno, quando spetta ai nipoti?

La pensione del reversibilità, in alcuni casi particolari, spetta anche ai nipoti del pensionati deceduto, ma si deve essere in possesso di determinati requisiti.

Pensione di reversibilità del nonno, quando spetta ai nipoti?

Pensione di reversibilità, ovvero quella prestazione che l’INPS eroga ai familiari superstiti del pensionato. Primo avente diritto della misura è il coniuge, ma in alcuni casi spetta anche ai figli, ai nipoti, ai genitori, ai fratelli e le sorelle in possesso di determinati requisiti. In questo articolo ci occuperemo del diritto alla pensione ai superstiti da parte dei nipoti.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Mio padre primogenito morto in un incidente sul lavoro quando io avevo 11 mesi. Mia madre percepisce la reversibilità. Mio Nonno paterno è morto dopo 30 anni dalla morte di mio padre. Mio nonno era pensionato di Guerra per infortunio.Io Diretto Figlio Unico mi spetterebbe la reversibilità di mio Nonno morto.? Quando morirà mia Madre vedova mi spetterebbe la reversibilità? Adesso ho 57 anni divorziato reddito zero e con invalidità del 67%.Grazie mille per la risposta.”

Pensione di reversibilità ai nipoti

Come abbiamo anticipato in apertura dell’articolo, la pensione di reversibilità potrebbe spettare anche ai nipoti in possesso di determinati requisiti.

Ai nipoti la pensione di reversibilità spetta sempre finché sono minorenni e a carico dell’ascendente. Anche se non risultano essere orfani ma è comprovabile che i genitori non possono provvedere al loro mantenimento.

La pensione di reversibilità viene conservata dal nipote minorenne alla morte del nonno, fino al compimento dei 21 o 26 anni se il giovane continua a studiare (21 anni per il completamento delle scuole superiori, 26 anni per eventuale studi universitari) ma anche in questo caso, quindi, il diritto sussiste solo nel caso che il decesso dell’ascendente sia avvenuto fintanto che il nipote era minorenne.

Conservano il diritto alla pensione di reversibilità, senza limiti di età, anche i nipoti che sono diventati totalmente inabili al lavoro tra il momento del decesso del nonno ed il compimento della maggiore età.

Come si può notare, quindi, il nipote ha diritto alla pensione di reversibilità del nonno solo nel caso che l’ascendente venga a mancare fintanto che ha meno di 18 anni.

Nel suo caso, avendo 57 anni e non essendo inabile al lavoro la pensione di reversibilità di suo nonno non le spetta.

Allo stesso modo, poi, non le spetterà neanche la pensione di reversibilità di sua madre visto che per i figli il diritto alla pensione di reversibilità dei genitori si conserva solo fino al compimento dei 26 anni se studenti universitari, e senza limite di età se totalmente e permanentemente inabile al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso, e purtroppo non è il suo caso.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti:

Reversibilità

Iscriviti alla newsletter

Money Stories