Pensione con 40 e 41 anni di contributi: le possibilità

Lorenzo Rubini

20 Gennaio 2021 - 13:40

condividi
Facebook
twitter whatsapp
Pensione con 40 e 41 anni di contributi: le possibilità

Per i lavoratori precoci vi è la possibilità di accedere alla pensione con un certo anticipo ma è necessario aver versato almeno 12 mesi di contributi prima del compimento dei 19 anni di età. La quota 41, infatti, consente ad alcune categorie tutelate di lavoratori precoci di accedere al pensionamento con soli 41 anni di contributi.

In questo articolo risponderemo alle domande di due lettori di Money.it che ci chiedono chiarimenti in proposito.

Pensione con 40 e 41 anni di contributi

  • “Buongiorno io sono in Naspi da settembre 2019 a marzo raggiungo 41 anni di contributi, ho un figlio disabile al 100% posso usufruire della pensione dei 41 anni anche se la naspi termina a settembre 2021? ”

Per poter fruire della quota 41 è necessario, oltre ad aver maturato almeno 41 anni di contributi, aver versato almeno 12 mesi di contributi prima del compimento dei 19 anni di età rientrando, in questo modo, nella categoria dei lavoratori precoci.

Se vi rientra potrebbe avere due canali di ingresso a tale pensionamento: da una parte come disoccupato e dell’altra come caregiver. Come disoccupato avrebbe necessità di terminare la Naspi e attendere 3 mesi dal termine per la decorrenza della pensione.

Se, invece, oltre ad essere disabile al 100% suo figlio è anche titolare di legge 104 con gravità (articolo 3, comma 3) potrebbe accedere al pensionamento 3 mesi dopo aver raggiunto i 41 anni di contributi in qualità di caregiver, anche senza portare a termine la Naspi che le rimane da fruire.

  • “Buonasera compio 57 anni ad aprile lavoro da giugno 1979 sempre assicurato compreso l’anno di militare tranne qualche periodo tipo da aprile 84 a dicembre stesso subito dopo il congedo e da ottobre a dicembre 1979 dopo aver fatto la stagione come cameriere se si può vorrei sapere quando posso fare la domanda di pensione ( faccio i tre turni dal 1990) penso di rientrare nei precoci e usuranti se gentilmente vorreste darmi una mano vi ringrazio anticipatamente”

Se ha versato almeno 12 mesi di contributi derivanti da lavoro effettivo prima del compimento dei 19 anni rientra nella categoria dei lavoratori precoci e potrebbe, quindi, accedere al pensionamento con la quota 41.

Se, poi, rientra anche nel lavoro usurante per i turni notturni, avendo svolto questo lavoro per molti anni ha sicuramente la possibilità di richiedere la pensione non appena matura i 41 anni di contributi.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories