Pensione a 60 anni: quali possibilità di quiescenza?

La pensione a 60 anni non è un’utopia a patto di aver versato un buon numero di anni di contributi. Vediamo le possibilità per chi ha accumulato 40 anni di contributi.

Pensione a 60 anni: quali possibilità di quiescenza?

La pensione anticipata, in Italia, è consentita da diverse misure che richiedono requisiti di accesso differenti. Se in alcuni casi è richiesto di soddisfare solo il requisito contributivo (come ad esempio la pensione anticipata prevista dalla legge Fornero o come la quota 41), altre invece, come ad esempio la quota 100, richiedono che sia soddisfatto anche il requisito anagrafico.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Salve! Sono del 1960, ho già compiuto i 60 ed ho 40 anni di contributi così suddivisi: 7 come insegnante , 33 come impiegata part time. A Novembre 2019, tramite patronato, ho richiesto il ricongiungimento delle suddette contribuzioni (ad oggi ancora nulla!), vorrei quindi sapere, se possibile, quali opportunità avrei, di potere andare in pensione, ammesso che ve ne siano! Anticipatamente grazie!”

Pensione a 60 anni

Con 60 anni di età e 40 anni di contributi versati ha, ovviamente, la possibilità di accedere al pensionamento anticipato, ma non nell’immediato.

Troppo giovane per accedere alla quota 100 (non raggiunge i 62 anni prima della scadenza della misura fissata per la fine del prossimo anno), unica strada di pensionamento che può percorrere attualmente è quella per raggiungere i 41 anni e 10 mesi richiesti alle donne per accedere alla pensione anticipata prevista dalla Legge Fornero.

O almeno questa è la sua unica possibilità per l’immediato visto che entro il prossimo anno dovrebbe essere introdotta una misura di pensionamento flessibile che vada a prendere il posto della quota 100 a partire dal 1 gennaio 2022.

Si è parlato diffusamente, infatti, anche di una possibile quota 41 per tutti che potrebbe raggiungere fra un anno. Ma le premetto che da quanto trapelato la misura dovrebbe prevedere delle penalizzazioni sull’assegno previdenziale (ed in questo caso le converrebbe attendere la pensione anticipata ordinaria).

Mancandole all’accesso circa 2 anni ha tutto il tempo di vedere quali saranno le decisioni dell’esecutivo al riguardo scegliendo, a tempo debito, la strada più conveniente nel suo caso.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti:

Pensione anticipata

Iscriviti alla newsletter

Money Stories