Pensione INPS: come calcolare i contributi?

Come calcolare i contributi e come verificare la propria situazione contributiva? Ecco la guida.

I contributi sono una sorta di “premio assicurativo”, pagato per assicurare al lavoratore prestazioni pensionistiche, assistenziali e creditizie e consistono in una percentuale da applicarsi alla retribuzione imponibile (per info consulta la nostra Guida ai contributi).

Come calcolare i contributi?

Al fine di sapere quanto l’azienda deve versare mensilmente all’INPS a titolo di contributi, per sé e per il dipendente, è necessario conoscere:

  • le aliquote contributive da applicare all’imponibile previdenziale, determinate da diversi elementi, quali:
    - attività aziendale (Industria; Commercio; Edilizia; Lapidei; Agricoltura; Pesca; Attività mineraria etc);
    - dimensioni aziendali (limiti dimensionali per le aziende artigiane; più o meno di 15 dipendenti per CIGS e Mobilità, più o meno di 50 dipendenti per il contributo CIG etc.);
    - configurazione giuridica dell’azienda (Società di persone; Società di capitali; Cooperativa DPR 602/70; Ente diritto pubblico etc.);
    - qualifica del lavoratore (Operaio; Impiegato; Operatore di vendita; Dirigente; Apprendista etc.);
    - Stato giuridico del lavoratore (Socio della cooperativa; Lavorante a domicilio; Religioso regolare; Familiare del titolare; Dipendente di ruolo/fuori ruolo etc.).
  • l’ammontare del reddito imponibile del dipendente (imponibile previdenziale);
  • gli eventuali benefici (riduzioni ed esoneri) contributivi spettanti;
  • l’importo delle prestazioni anticipate al lavoratore per conto dell’INPS.

L’onere contributivo si determina così:

  • calcolo dei contributi teoricamente dovuti;
  • aliquote contributive (a carico dipendente e datore) X Imponibile previdenziale: 100 = Somme a debito del datore di lavoro;
  • calcolo dei benefici contributivi e delle prestazioni anticipate;
  • benefici contributivi + prestazioni anticipate + sgravi ed esoneri contributivi = somme a credito del datore di lavoro.

Il calcolo dei contributi effettivamente da versare è:

Somme a debito del datore di lavoro - Somme a credito del datore di lavoro = Somme a debito del datore di lavoro

Estratto conto contributivo

Come verificare la propria posizione contributiva? Grazie all’Estratto conto contributivo, che contiene info su:

  • periodo di riferimento;
  • tipologia di contribuzione (lavoro dipendente, artigiano, commerciante, servizio militare ecc.);
  • contributi utili (espressi in giorni, settimane o mesi), sia per il raggiungimento del diritto sia per il calcolo della pensione;
  • retribuzione o reddito;
  • azienda (datori di lavoro);
  • eventuali note (riportate alla fine dell’estratto).

L’Estratto conto contributivo si può consultare:

  • online sul sito INPS, nella sezione servizi per il cittadino, autenticandosi con il PIN;
  • rivolgendosi al numero 803164 gratuito da rete fissa o al numero 06164164 da rete mobile a pagamento, secondo la tariffa del proprio gestore telefonico;
  • rivolgendosi a un Patronato, a un Centro di assistenza fiscale o ad altro professionista abilitato.

Il lavoratore in prossimità della pensione, può chiedere l’estratto conto certificativo, un documento analitico della posizione assicurativa, rilasciato dall’INPS su richiesta, che ha valore certificativo.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories