Noi con Salvini: la Lega Nord sbarca al Sud, programma e obiettivi in 5 punti

icon calendar icon person

Si susseguono le presentazioni di Noi con Salvini il nuovo movimento che il leader della Lega Nord ha messo in campo per conquistare il Sud Italia e mietere ulteriori consensi.

Continuano le presentazioni di «Noi con Salvini» il nuovo movimento che Matteo Salvini, il leader della Lega Nord, goleador riconosciuto del Centro Destra alle ultime elezioni regionali, ha messo in campo per sfondare nel terreno elettorale in cui è più debole, quel Meridione che è troppo importante per essere disprezzato; troppo esposto agli sbarchi dei migranti per non essere strumentalizzato; troppo ricco di voti per non diventare l’ennesimo bacino in cui raccogliere un onda di consensi sempre crescente per quello che è diventato, in pochi mesi, l’antagonista più pericoloso, e allo stesso tempo più simile, dell’altro Matteo, quello che presiede il Governo attualmente in carica.

L’ufficializzazione di Noi con Salvini è avvenuta lo scorso Venerdì, nella sala del Mappamondo della Camera dei Deputati. Niente verde per il simbolo ma un campo bianco con un ovale blu e la scritta in giallo e bianco ’Noi con Salvini’. Dalle dichiarazioni di Matteo Salvini è stato il rinnovamento l’obiettivo maggiore su cui puntare: niente riedizioni di formazioni politiche già viste, niente ex e riciclati solo la necessità di forze fresche e la, non dichiarata, paura che avvenga l’assalto a una diligenza sempre più ambita. Le prese di distanze da Ncd sono state nette, quelle da Forza Italia più sfumate; le vecchie glorie e gli outsider che guardano con interesse al movimento di Salvini sono di certo molti: dagli ex-AN a Casa Pound, fino al pericolo, paventato da Umberto Bossi, dei signori delle tessere.

Al di là delle presentazioni appare, però, più interessante, comprendere il programma e gli intenti politici che Matteo Salvini sta mettendo in campo per fare breccia nel Sud. La Carta dei Valori del Movimento, suddivisa in cinque punti cardine, è sicuramente lo strumento migliore per cogliere il programma di Noi con Salvini.

Politiche economiche
Per riportare speranza e lavoro in Italia, Noi con Salvini guarda con trepidazione alla fine dell’euro, ritenuto una moneta sbagliata che ha indotto un disastro economico in Italia e ha distrutto 50 anni di conquiste economiche e sociali.
L’altra faccia della medaglia, che fa da contraltare all’abolizione dell’euro, è la difesa del Made in Italy dalla concorrenza sleale imposta dalla globalizzazione, la tutela dell’agricoltura e della pesca italiana. A ciò sono da aggiungere l’azzeramento di tutti i trattati europei e la cancellazione delle sanzioni contro la Russia.

Politica Interna e Società
L’immigrazione incontrollata e il vitto e l’alloggio gratuito assegnato agli immigrati hanno ridotto la sicurezza e aumentato il degrado delle città italiane. Si tratta di luoghi in cui, secondo Noi con Salvini, va ripristinata la legalità e vanno create delle corsie preferenziali, sorattutto fiscali, per gli italiani: dai contributi per le famiglie meno abbienti, ai bonus per l’infanzia, dall’assegnazione delle case popolari ai servizi sociali e ai fondi per la disabilità.

Riforma Fiscale
Noi con Salvini ambisce ad attuare una vera e propria rivoluzione fiscale incentrata sulla flat tax. Si tratterebbe di stravolgere il rapporto tra fisco e contribuenti con una tassa unica per qualsiasi tipo di reddito e un’aliquota fissa del 15% che consentirebbe di dare ossigeno all’economia italiana, come già è avvenuto, almeno secondo la Lega Nord, in molti altri paesi che hanno adottato questo regime fiscale. A ciò si aggiungono l’eliminazione degli studi di settore, l’abolizione della legge Fornero sulle pensioni, l’abolizione del Canone Rai, lo stop dei versamenti dei contributi INPS, l’eliminazione del limite di 1000 euro per gli acquisti in contanti, la rateizzazione dei debiti con il fisco per i contribuenti che non riescono a pagare e l’esenzione completa dalle tasse per le aree colpite da disastri e calamità naturali.

Riforma della Giustizia e Ordine Pubblico
Ripristino della legalità attraverso la reintroduzione del reato di immigrazione clandestina, il blocco di qualsiasi iniziativa di amnistia e indulto, la regolarizzazione e la diminuzione del flussi di immigrazione anche in relazione al terrorismo di matrice islamica, la chiusura dei campi Rom e lo sgombero di tutte le abitazioni occupate abusivamente.
A ciò si aggiunge l’innalzamento delle pene e la reintroduzione dei reati lievi insieme alla possibilità di far scontare una pena nel paese di provenienza agli stranieri.

Federalismo, politiche del lavoro, del territorio e della famiglia
Autonomia intesa come federalismo e autodeterminazione dei popoli; rivalutazione delle tradizioni nazionali e ritorno a una società fondata sul lavoro, sull’identità e sulla salvaguardia del territorio, contro lo sfruttamento e l’approccio consumistico messo in campo da multinazionali, grande finanza e poteri internazionali.
La famiglia, ovviamente solo quella composta da un uomo e da una donna, diviene il centro di questo ritorno alla tradizione e per questo deve essere favorita e avvantaggiata con politiche specifiche quali gli aiuti economici concreti a sostegno dell’infanzia e della natalità, gli asili nido pubblici e i servizi di babysitting gratuito fino ai tre anni, gli aiuti economici a favore di genitori separati con figli a carico, e la semplificazione dell’iter per le adozioni.

Stai scrivendo come:

*I messaggi verranno valutati dalla redazione e saranno pubblicati se ritenuti idonei.

Il tuo commento