Dopo che in Cina si era diffusa la notizia di un’indagine su presunti problemi alle sospensioni di Tesla Model S e X, adesso anche l’americana NHTSA ha iniziato a informarsi sulla questione. Quest’ultima infatti ha contattato l’azienda californiana per informarsi sul problema e scoprire se potesse interessare esemplari commercializzati in Nord America.

In USA NHTSA indaga su alcuni problemi alle sospensioni di Tesla Model S e X

Tesla ha risposto attraverso alcuni suoi portavoce affermando che si trattava di un problema legato alla Cina e causato dalla pessima condizione delle strade di quel paese ma nonostante ciò NHTSA ha deciso di vederci chiaro e di aprire una vera e propria indagine ufficiale negli Stati Uniti per un problema simile che ha colpito diversi utenti di questi modelli in quel mercato.

Per ora il numero di unità di Tesla interessate è molto basso, solo 43 confermate, ma ciò è stato sufficiente per destare l’attenzione dell’organizzazione che vigila sulla sicurezza dei veicoli presenti nelle strade degli Stati Uniti.

Il problema sarebbe legato ad uno dei bracci delle sospensioni

Il problema è legato ad uno dei bracci delle sospensioni, che in alcuni casi si è rotto, sebbene il più delle volte ciò si avvenuto a bassa velocità e non siano noti incidenti o vittime di alcun genere legati a questo problema.

Il problema ha interessato alcune Tesla Model S prodotte tra il 2015 e il 2017 negli Stati Uniti, oltre ad alcune Tesla Model X prodotte tra il 2016 e il 2017.

È interessante notare che Tesla ha già aperto un bollettino di servizio per questi modelli nel 2017 per un problema simile, anche se in quel momento si riferiva solo alle copie prodotte tra il 19 gennaio 2016 e il 25 maggio dello stesso anno. Vedremo dunque cosa emergerà a seguito di questa indagine da parte di NHTSA su Tesla Model S e Model X.