Miozzo: “Lockdown totale come marzo soluzione migliore, ma non possiamo farlo”

Alessandro Cipolla

11 Gennaio 2021 - 12:26

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il coordinatore del Comitato tecnico scientifico Agostino Miozzo, intervistato dal Messaggero, ha spiegato come un lockdown nazionale come quello di marzo sarebbe la soluzione migliore per l’Italia, ma questo non sarebbe possibile farlo in quanto alcune categorie “sono alla disperazione”.

Miozzo: “Lockdown totale come marzo soluzione migliore, ma non possiamo farlo”

Un nuovo lockdown totale e nazionale, come quello che c’è stato in Italia negli scorsi mesi di marzo e aprile, sarebbe la soluzione migliore in questo momento vista la situazione sanitaria legata al coronavirus nel nostro Paese.

Ne è convinto Agostino Miozzo, il coordinatore del Comitato tecnico scientifico che ha rilasciato un’intervista al Messaggero dopo che diversi esperti hanno lanciato nei giorni scorsi un allarme per il possibile arrivo della terza ondata del Covid anche da noi.

La soluzione migliore sarebbe quella che abbiamo preso a marzo-aprile - ha spiegato al quotidiano romano Miozzo - ovvero il lockdown totale e nazionale, ma non possiamo più farlo”.

Per il coordinatore del Cts, che affianca il governo fin dall’inizio della pandemia, un nuovo lockdown non sarebbe praticabile visto che “ alcune categorie sono alla disperazione : spettacolo, turismo, ristorazione e sport”.

Anche se al momento in Italia la situazione sul fronte Covid non è fuori controllo come pare in Regno Unito, per la “fine della prossima settimana” potrebbe nel nostro Paese arrivare un aumento dei contagi a seguito delle festività.

L’immunità di gregge non arriverà prima della fine dell’estate, verso l’autunno - ha poi sottolineato Agostino Miozzo - Per questo è fondamentale non abbassare la guardia. Dovremo convivere con il Covid forse per qualche anno”.

Argomenti

# Italia

Iscriviti alla newsletter

Money Stories