I millennials sono il punto debole di Harley-Davidson

I giovani sono centauri diversi da quelli della generazione precedente, ma cosa cercano nelle moto? Praticità e possibilmente prezzi abbordabili.

I millennials sono il punto debole di Harley-Davidson

Harley-Davidson è un marchio leggendario per le due ruote che negli ultimi quattro anni ha subito un drastico calo nei volumi di vendita. Gli storici saloni delle maggiori città hanno traslocato e hanno ridotto le metrature, mentre per le strade è sempre più raro vedere una Harley rombare in attesa del semaforo verde.

La compagnia è rimasta a galla e ora sta cercando di riprendere quota approfittando della mobilità elettrica e cercando di diversificare l’offerta a partire dal lancio della LiveWire. A determinare il cambio di rotta sarebbero stati i millennials. Le generazioni più giovani sono infatti la scommessa su cui puntare dopo che hanno voltato le spalle alla casa di moto custom più famosa del mondo e in generale all’industria delle grandi moto.

Da un sondaggio su 2.100 adulti americani sopra i 21 anni, pubblicato dall’analista Robin Farley della UBS research, è emerso un gap generazionale nel modo di pensare alle moto tra nuove e vecchie generazioni.

Se i vecchi centauri acquistano moto a scopi ricreativi, per dare sfogo alla propria passione, i giovani tra i 21 e i 34 anni ponderano l’acquisto di motociclette solo per agevolare i propri spostamenti. Questo sposta le preferenze su moto pratiche e più gestibili, escludendo quasi l’intera gamma Harley-Davidson.

I millennials non vogliono (o non possono permettersi) una Harley-Davidson

La disparità di vedute non è soltanto una questione di gusti: le nuove generazioni preferiscono mezzi più pratici anche in ragione del fatto che non possono permettersi una due ruote di questo tipo solo come hobby. In un compromesso tra utile e dilettevole, è rimasto solo il primo criterio.

I clienti medi di Harley-Davidson sono uomini sposati di circa 50 anni di età, con entrate famigliari annue di almeno 90.000 dollari. Dall’altra parte, come riporta uno studio degli economisti della Federal Reserve, i millennials sono meno benestanti rispetto ai pari di età delle generazioni precedenti, a causa di stipendi più bassi, meno proprietà e meno ricchezza generale.

Secondo Farley:

Crediamo che le divergenze nei motivi d’acquisto di una nuova moto siano parzialmente alla base della sfida che l’industria delle moto di grossa cilindrata si trova a fronteggiare per coinvolgere una nuova platea di giovani centauri.

Harley-Davidson alla caccia dei giovani centauri

Se continuerà ad esserci una divisione tra motociclisti maturi che acquistano per il piacere di guida e nuovi motociclisti che concepiscono le moto come mezzo di trasporto, l’industria delle moto di grossa cilindrata come Harley-Davidson continueranno a dipendere da un pubblico che invecchia.

Per questo la casa ha mostrato il concept di due mezzi “leggeri” come una bici elettrificata dal design estremo di mountain bike e uno scooter elettrico da città.
Con la storia che ha a disposizione il brand, e la platea internazionale che ha sempre avuto, le nuove moto riusciranno a riposizionarsi e soprattutto a forgiare una nuova generazione di motociclisti.

Harley-Davidson sta venendo incontro alle nuove esigenze, puntando sulla leggerezza dei nuovi veicoli inediti - come bici e scooter - e sulla mobilità elettrica. Dall’altra parte il pubblico dei millennials si troverà di fronte mezzi ad alto budget ma sicuramente più utili di una grande e rumorosa moto custom.

Iscriviti alla newsletter Motori per ricevere le news su Harley-Davidson

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.