Mercati oggi: inflazione USA non frena le azioni. Ma il Covid spaventa ancora

Violetta Silvestri

14 Aprile 2021 - 08:28

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Mercati oggi: scambi positivi in un rinnovato ottimismo sulla ripresa economica. L’inflazione USA in crescita non spaventa le azioni, ma il Giappone frena sui timori Covid.

Mercati oggi: inflazione USA non frena le azioni. Ma il Covid spaventa ancora

Mercati oggi: le azioni globali scambiano al rialzo, verso nuovi massimi, mostrando poca reazione all’inflazione USA più alta del previsto.

Gli investitori si stanno concentrando sugli utili imminenti e sulla ripresa globale. Il benchmark di Hong Kong ha sovraperformato e le azioni tecnologiche hanno sollevato la Cina, magli indici in Giappone sono calati a causa delle preoccupazioni per il lento lancio del vaccino e per il ritorno di contagi.

Che succede oggi nei mercati?

Mercati: Asia in corsa, tranne il Giappone. Che succede?

La maggior parte degli indici azionari dell’Asia-Pacifico ha seguito Wall Street al rialzo.

L’Hang Seng di Hong Kong ha guidato i guadagni nella regione.

Il Giappone ha invertito la tendenza, con il Nikkei in calo dello 0,4% poiché l’aumento dei contagi ha sollevato dubbi su una riapertura economica tra 100 giorni prima che Tokyo ospiterà le Olimpiadi.

L’indice più ampio di MSCI di azioni Asia-Pacifico al di fuori del Giappone ha guadagnato lo 0,6%. L’Hang Seng di Hong Kong è cresciuto dell’1,3%, mentre l’indice delle blue chip cinesi è balzato dello 0,7%.

L’indicatore della performance azionaria di MSCI in 50 Paesi è aumentato dello 0,15%, estendendo il suo massimo storico.

USA: T bond in flessione

USA sempre in primo piano nelle analisi degli investitori.

Due sono stati gli elementi osservati: il dato sui prezzi al consumo e i rendimenti del Treasury.

L’inflazione è aumentata dello 0,6%, il maggiore incremento dall’agosto 2012, spinta dal ritmo delle vaccinazioni e dallo stimolo fiscale che hanno dato forza alla domanda repressa.

Tuttavia è improbabile che i dati cambino l’opinione del presidente della Federal Reserve Jerome Powell secondo cui l’aumento dell’inflazione nei prossimi mesi sarà transitorio.

Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è salito dall’inizio dell’anno a un massimo di 14 mesi dell’1,776% il 30 marzo, scommettendo che un massiccio stimolo fiscale avrebbe accelerato una ripresa degli Stati Uniti, alimentando un’inflazione più rapida di quanto previsto dai politici della Fed.

Ma i rendimenti sono diminuiti questo mese, in parte a causa dell’insistenza della Fed sul fatto che la debolezza del mercato del lavoro impedirà il surriscaldamento dell’economia.

Anche un’ondata di ottimi risultati d’asta, compresi i titoli a 30 anni di martedì, ha contribuito a domare i rendimenti.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.