I mercati tornano incerti, il motivo è sempre la Fed. Che succede oggi?

Violetta Silvestri

24/06/2021

12/07/2021 - 13:35

condividi

Mercati oscillano oggi, con l’Asia che non segue il record del Nasdaq e scambia incerta. Le varie dichiarazioni dai membri Fed non sembrano rassicurare: che succede?

I mercati tornano incerti, il motivo è sempre la Fed. Che succede oggi?

Mercati oggi: l’Asia scambia in rosse stamattina, mostrando nuove incertezze sulle previsioni economiche.

La Cina è in ribasso, mentre il dollaro USA è rimasto al di sotto del massimo di 11 settimane, con gli investitori che hanno rivalutato le dichiarazioni della Federal Reserve statunitense sull’inflazione e aspettano i dati importanti di oggi, PIL e richieste disoccupazione USA.

C’è un rincorrere di dichiarazioni non sempre univoche da parte dei membri Fed sulle tempistiche del tapering. E i mercati scontano incertezza e prospettiva di rialzo tassi e inasprimento dei sostegni.

Che succede oggi nelle borse?

Mercati oggi: l’Asia oscilla, Nasdaq da record

L’Asia annaspa negli scambi di oggi. Alle ore 8.55 circa,il Nikkei resta piatto e gli indici cinesi Shanghai e Shenzhen perdono rispettivamente lo 0,05% e lo 0,49%.

Kospi della Corea del Sud, Honk Kong e Taiwan guadagnano poco sopra la parità.

I future statunitensi avanzano, dopo un modesto calo dell’S&P500, nonostante i guadagni tra le aziende che beneficiano della riapertura economica. Un rally di Tesla ha aiutato il Nasdaq Composite a stabilire un altro record.

Il greggio si è mantenuto sopra i 73 dollari al barile. Bitcoin è stato scambiato a circa $ 32.700, stabilizzandosi dopo una flessione all’inizio della settimana.

La Fed ancora nel mirino degli investitori

I commenti dai membri della Federal Reserve continuano a condizionare i mercati.

Il presidente della Fed di Dallas Robert Kaplan, che ha parlato di un aumento dei tassi il prossimo anno, ha affermato che l’economia probabilmente raggiungerà la soglia per ridurre gli acquisti di asset prima di quanto la gente pensi.

Il suo omologo di Atlanta, Raphael Bostic, ha sottolineato che la banca centrale potrebbe decidere di rallentare tali acquisti nei prossimi mesi.

La discussione è aperta. I funzionari della Fed hanno cercato di rassicurare i mercati sul fatto che la politica monetaria espansiva rimarrà in vigore per sostenere la ripresa, segnalando un possibile ritiro graduale del sostegno di emergenza nei mesi a venire.

Hanno anche sottolineato che qualsiasi azione dipenderà dal raggiungimento degli obiettivi di inflazione e occupazione. Ciò ha suscitato un dibattito sulle prospettive dei mercati, in particolare le scommesse legate all’accelerazione della crescita, che quest’anno hanno dominato il pensiero degli investitori.

Si attendono nuovi dati USA su PIL e sussidi di disoccupazione per valutare nuovi segnali.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.