Mercati oggi: tonfo di Hong Kong, trading Evergrande sospeso

Violetta Silvestri

4 Ottobre 2021 - 08:28

condividi

Mercati asiatici in rosso, con Hong Kong a guidare il tonfo. Evergrande resta in focus e le sue contrattazioni sono sospese. Intanto, inflazione e dubbi sulla crescita pesano sul sentiment.

Mercati oggi: tonfo di Hong Kong, trading Evergrande sospeso

Mercati oggi: gli indici asiatici e i future sulle azioni statunitensi iniziano la settimana con un passo indietro.

Gli investitori stanno valutando le prospettive di crescita rispetto ai timori per le pressioni inflazionistiche e il sentiment resta incerto.

In calo Giappone e Hong Kong. I guadagni precedenti sono svaniti dopo che le negoziazioni delle azioni del China Evergrande Group sono state sospese a Hong Kong, insieme a quelle della sua unità di gestione immobiliare. I mercati della Cina continentale sono chiusi fino a giovedì per festività.

In focus oggi anche il petrolio, con la riunione OPEC che potrebbe aumentare ulteriormente la produzione di greggio.

In questa cornice, cosa succede oggi nei mercati?

Mercati: Asia in rosso, Evergrande torna in focus

Con gli indici cinesi chiusi, l’attenzione degli scambi asiatici si concentra sulle altre piazze.

Alle ore 8.05 circa, il Nikkei perde l’1,21% e l’Hang Seng di Hong crolla del 2,12%. Anche Taiwan va in rosso, mentre l’Australia scambia in territorio positivo.

La vicenda del colosso Evergrande è tornata in primo piano, con tutte le incertezze sul suo futuro e sul rischio default.

Gli investitori asiatici stanno aspettando ulteriori notizie sulla società immobiliare cinese, che sta dimostrando di avere davvero poco margine di manovra per il pagamento delle cedole in scadenza. Intanto, Hopson Development Holdings Ltd. – le cui azioni sono state sospese – prevede di acquisire una quota del 51% nell’unità di gestione della proprietà del prestatore.

Kazutaka Kubo, senior economist di Okasan Securities, ha messo in guardia su Reuters:

“Il problema più grande non è un default di Evergrande, ma il contesto che ha portato alla sua caduta. Le autorità stanno regolando i prestiti per la casa e i prestiti alle società immobiliari. I mercati stanno già cercando un prossimo Evergrande.”

Il timore che i suoi problemi si diffondano all’intero settore immobiliare cinese è realistico e crescente secondo l’esperto.

L’inflazione continua a preoccupare

Non solo il fallimento Evergrande: i mercati continuano a temere anche l’inflazione. Le rassicurazioni delle banche centrali sulla transitorietà dell’aumento dei prezzi inizia a scricchiolare.

I dati pubblicati venerdì hanno mostrato che l’inflazione della zona euro ha raggiunto il massimo da 13 anni il mese scorso e sembra destinata a salire ancora.

Inoltre, l’indice dei prezzi PCE degli Stati Uniti, la misura di inflazione preferita dalla Federal Reserve per il suo obiettivo flessibile del 2%, è aumentato del 3,6% ad agosto rispetto all’anno precedente, il suo più grande rialzo in tre decenni e corrispondente al guadagno di luglio.

A correre, inoltre, è sempre il gas: il future di riferimento è in aumento del 2%. Materie prime introvabili e sempre più costose, in aggiunta a colli di bottiglia nelle forniture in tutto il mondo, stanno ostacolando la ripresa economica.

Negli USA, comunque, l’S&P 500 ha chiuso in rialzo venerdì dopo i risultati promettenti di una pillola contro il Covid e i dati positivi sulla produzione.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.