Mascherina obbligatoria? Quando e chi deve metterla

Coronavirus: ecco chi ha l’obbligo della mascherina e quando bisogna metterla per proteggersi.

Mascherina obbligatoria? Quando e chi deve metterla

In piena pandemia di coronavirus quasi tutti sentono ormai il dovere di indossare la mascherina: sempre più persone avvertono la mascherina come un obbligo per proteggere se stessi e gli altri dal contagio.

Questo maggiore senso di responsabilità deriva dal fatto che il governo italiano (ma anche tanti altri Paesi), per contrastare la diffusione del virus, stanno mettendo misure restrittive e di sicurezza sempre più severe.

Le diverse regioni d’Italia stanno provvedendo a promulgare delle direttive che impongono l’uso obbligatorio di dispositivi di protezione individuale, come mascherine e guanti, per evitare il contagio da Covid-19.

Tali provvedimenti coinvolgono soprattutto tutte le attività lavorative in cui la prestazione prevede un contatto diretto tra operatore e cliente. La Regione Lazio, per esempio, ha approvato un’ordinanza che determina l’obbligo di indossare la mascherina a tutti coloro che per lavoro vendono o manipolano il cibo. Coinvolti dunque bar e ristoranti, ma anche gli operatori del settore agroalimentare.

Coronavirus: mascherina obbligatoria per chi vende cibo

A Roma e nel Lazio è obbligatorio indossare mascherina e guanti per tutti gli esercizi che svolgono attività di somministrazione o trasformazione di alimenti e bevande. Lo sancisce l’articolo 5 della nuova ordinanza della Regione Lazio, firmata da Alessio D’Amato, assessore alla Sanità, e dal vicepresidente Daniele Leodori: “gli esercizi che svolgono attività di somministrazione di alimenti e bevande e tutti i soggetti che trasformano, producono, tengono in deposito o comunque manipolano per poi vendere o somministrare prodotti alimentari, in relazione all’attività svolta, sono tenuti all’utilizzo obbligatorio di mascherine e guanti”.

La nuova ordinanza della Regione va così a rafforzare i provvedimenti già in vigore dallo scorso 8 marzo per far fronte all’emergenza Covid-19. L’obbligo dell’uso di dispositivi di protezione personale è dunque esteso a tutti i bar, ristoranti e pizzerie, come anche agli impiegati nel settore agroalimentare, ai negozi di alimentari e a chi tiene in deposito il cibo. La misura sarà in vigore su tutto il territorio regionale sino al 3 aprile.

Coronavirus: chi deve indossare la mascherina?

Oltre alla Regione Lazio, anche nel resto d’Italia si è provveduto a emanare disposizioni che impongono l’obbligo dell’uso della mascherina. I provvedimenti hanno coinvolto soprattutto tutti i lavoratori e le attività che prevedono un contatto ravvicinato con il cliente, obbligati a indossare mascherina e guanti monouso. Inoltre dovranno “lavarsi le mani fra un cliente e l’altro con gel idroalcolico e pulire le superfici con soluzioni a base di alcol o cloro”.

Il Ministero della Salute inoltre è intervenuto con delle direttive specifiche rivolte a tutti i datori di lavoro per far fronte al rischio di contagio da Covid-19. Secondo le Disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, il datore di lavoro, in tutti quei casi in cui la situazione risulti ad alto rischio di esposizione al virus, ha l’obbligo d’intervenire per salvaguardare la salute di ogni singolo dipendente. Per cui dovrebbe per legge dover garantire a ognuno i dispositivi di protezione individuale ovvero i Dpi, mascherine con norma tecnica UNI EN 149.2001, oppure, protezione FF2 o FF3 e guanti.

L’obbligo della mascherina per chi esce

E per quanto riguarda tutte le altre persone che non devono mettere la mascherina per motivi di lavoro? Come deve comportarsi chi esce per andare in farmacia o a fare la spesa? In Cina i cittadini hanno avuto l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi pubblici dal 24 gennaio, quando è scattata l’emergenza del governo, pena l’arresto.

Da noi, invece, c’è stata sin dall’inizio molta confusione. Alla domanda “Quando va indossata la mascherina” il Ministero della Salute ha spiegato che è raccomandata “solo se sospetti di aver contratto il virus e presenti sintomi come tosse o starnuti, o se ti prendi cura di una persona malata o con sospetta infezione”. Questo perché l’uso della mascherina aiuta a limitare la diffusione del virus, ma va adottata in aggiunta ad altre misure igienico-sanitarie, e in assenza di sintomi non è necessaria.

Nelle ex zone rosse del contagio, in Lombardia e Veneto, però, la protezione civile ha distribuito 25mila mascherine a tutti i cittadini, non solo a quelli malati. È quindi obbligatorio metterla? Walter Ricciardi, membro OMS e consigliere del governo per l’emergenza Covid-19, ha detto che le mascherine di garza non servono a nulla, e che è “solo una paranoia che la gente sana usa in maniera impropria”, mentre le mascherine FP2 e FP3 servono al personale sanitario e alle forze dell’ordine.

Al momento in Italia non vi è l’obbligo di girare con la mascherina, ma in alcuni luoghi pubblici, come ad esempio i supermercati, potrebbe essere chiesto ai clienti di mettere guanti e mascherina mentre si fa la spesa. A discrezione di ognuno, quindi.

Iscriviti alla newsletter Rubriche per ricevere le news su Coronavirus

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.