MacBook Pro e Surface Book a confronto: caratteristiche, prezzi e nuove funzioni

Apple e Microsoft hanno presentato i loro nuovi gioiellini: è sfida tra MacBook Pro e Surface Book. Caratteristiche, funzioni speciali e prezzi a confronto.

I nuovi MacBook Pro 2016 sono stati presentati ufficialmente. Apple ha svelato i dettagli su caratteristiche, prezzo e data di uscita dei suoi portatili top di gamma. I nuovi MacBook Pro hanno mostrato al mondo intero il loro design esclusivo e le caratteristiche rivoluzionarie: con uno spessore di appena 14,9mm e la nuova Touch Bar Retina con supporto multitouch, il MacBook Pro 2016 è il regalo di Natale che tutti vorrebbero.

Ma a competere con il nuovo gioiellino di Apple c’è un altro laptop ugualmente prestante e stiloso: stiamo parlando del nuovo Surface Book i7 presentato da Microsoft il 26 ottobre 2016. Il laptop dell’azienda di Redmond, viste le caratteristiche estetiche simili e l’evento di presentazione ravvicinato, è il naturale competitor del nuovo MacBook Pro. Quale acquistare?

Abbiamo già provato a rispondere a questa domanda analizzando storia e caratteristiche dei pc portatili dei due colossi tecnologici nell’articolo Apple vs Microsoft: computer portatili a confronto. Qual è migliore?. Ora che i nuovi MacBook Pro e Surface Book sono stati presentati abbiamo altri elementi attuali per fare chiarezza sulla questione. Non perdiamo altro tempo e vediamo quali sono le caratteristiche, il design e le features speciali a confronto dei nuovi portatili Apple e Microsoft.

Apple MacBook Pro vs Microsoft Surface Book: caratteristiche e design

In termini di design e forma i nuovi MacBook e Surface sono molto simili, ma sotto la scocca le cose cambiano.

Entrambi i portatili sono disponibili in 3 configurazioni: abbiamo 2 MacBook Pro da 13” e uno da 15”, con specifiche tecniche e prezzo diversi; il Surface Book è disponibile con 8GB o 16GB di RAM e diversi tagli di scheda SSD.

I nuovi MacBook Pro e Surface Book montano un processore Intel di 6° generazione nelle varianti i5 e i7. Dal punto di vista delle prestazioni non ci sono differenze, quindi, ma in termini di grafica le cose cambiano in quanto Microsoft opta per una GPU Intel HD integrata, con una Nvidia GTX 965M. Apple invece sceglie di dotare il modello da 13” di una Intel Iris Graphic minore di quella del Surface, mentre il MacBook Pro da 15” ha una Radeon Pro 450 o 455.

Passando alle caratteristiche dello schermo, nonostante Apple sia la numero uno quanto a risoluzioni in Retina, Microsoft si è spinta più in là e il confronto è vinto dal Surface: lo schermo del MacBook Pro ha una risoluzione pari a 2560 x 1600 (13’’) e 2880 x 1800 (15’’), mentre la linea Surface ha un 3000 x 2000 pixel. Anche se con il 15 pollici di Apple la differenza è minima, la sfida è vinta da Microsoft.

E cosa dire dell’autonomia? Microsoft parla, per i suoi Surface Book, di un’autonomia fino a 16 ore, mentre Apple - mantenendosi forse più realistica rispetto alla concorrenza - sostiene che i MacBook Pro possano arrivare a 10 ore di autonomia.

Apple MacBook Pro vs Microsoft Surface Book: features speciali

La novità più importante introdotta sulla nuova linea 2016 di MacBook Pro è senz’altro la Touch Bar Retina con supporto multitouch fino a 10 tocchi. Si tratta di una barra touch posizionata sopra la tastiera che sostituisce i tasti funzione del computer Apple. La Touch Bar offre diverse funzionalità a seconda del programma che si sta utilizzando al computer. Ad esempio, su iMessage e chat appaiono le emoji, da toccare e inserire nel testo, su iTunes compaiono i comandi del player e tutte le info sul brano e l’artista che stiamo ascoltando; nei programmi di fotoritocco ed editing si possono visualizzare i comandi rapidi per cambiare formattazione, copiare, incollare e modificare le foto.

Ma non è finita qui: Apple inserisce sul suo MacBook Pro 2016 il sistema di sblocco sicuro tramite sensore Touch ID. Questo si trova integrato nel tasto di accensione e consente, una volta registrate le impronte digitali sul MacBook Pro, di sbloccarlo rapidamente, passare da un account all’altro e fare acquisti sicuri su Apple Pay (nei Paesi in cui è disponibile, ovviamente). Il Touch ID del nuovo MacBook Pro è protetto da un nuovo cristallo zaffiro di 2° generazione e da un chip T1 Secure Enclave.

Microsoft ha presentato la sua nuova gamma di accessori compatibili con il Surface Book i7 e acquistabili a parte. Il Surface Dial è un cilindretto compatto in alluminio che si applica sullo schermo e consente di svolgere diverse attività senza mai toccare mouse o tastiera come modificare colore e spessore del tratto sui software grafici; cambiare la visuale “zoomando”; abbassare e alzare il volume del PC ecc...
Il Surface Dial è rivolto ai designer e ai professionisti, quindi non è paragonabile alla Touch Bar di Apple, rivolta a utenti con esigenze differenti.

Apple MacBook Pro vs Microsoft Surface Book: prezzi

La data d’uscita dei nuovi MacBook Pro non è stata resa nota, per quanto riguarda i prezzi invece sono stati forniti i dettagli. Questi dipendono dalla configurazione del portatile, che sono 3: MacBook Pro da 13«senza Touch Bar e Touch ID; MacBook Pro da 13» con Touch Bar e Touch ID, e 4 porte ThunderBolt; MacBook Pro da 15" con 16GB di memoria, Intel Core i7 e 256GB SS estendibile fino a 2TB.

  • MacBook Pro da 13" (senza Touch Bar): 1749€
  • MacBook Pro 13": 2099€
  • MacBook Pro 15": 2799€

Passando al Microsoft Surface Book i7, il nuovo portatile Microsoft esce sul mercato dal prossimo 10 novembre. Anche qui siamo davanti a diversi range di prezzo, a seconda delle configurazioni:

  • Surface i7 - SSD da 256GB con 8GB di RAM: 2399$
  • Surface i7 - SSD da 512GB con 16GB di RAM: 2799$
  • Surface i7 - SSD da 1TB con 16GB di RAM: 3299$

I prezzi in euro non sono stati comunicati, ma possiamo ipotizzare che anche per il Surface i7 la cifra sarà piuttosto alta per la maggior parte degli utenti. Tuttavia si può approfittare della nuova uscita per dare un’occhiata agli sconti sui modelli precedenti della gamma Surface. Il Surface Book e il Surface Pro 4 sono, infatti, disponibili all’acquisto rispettivamente a 1499 e 899 dollari.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories