Luci dell’albero di Natale pericolose: l’allarme dei Vigili del fuoco, a cosa fare attenzione?

Le luci dell’albero di Natale sono pericolose? Non proprio, ma i vigili del fuoco invitano a prestare attenzione e a seguire determinate regole per evitare incendi e pericoli in casa.

Luci dell'albero di Natale pericolose: l'allarme dei Vigili del fuoco, a cosa fare attenzione?

Le luci dell’albero di Natale: colorate, calde e... pericolose. Sì, perché nonostante rappresentino uno dei simboli delle festività natalizie, le lucine che tutti noi mettiamo sul nostro albero possono rivelarsi letali, rientrando nella categoria delle possibili e più alte cause d’incendi, spesso fatali.

A porre l’attenzione sul tema, lanciando l’hashtag #nonbruciateilnatale, è il corpo dei Vigili del fuoco, che avvisa gli italiani invitandoli a mettere in sicurezza le proprie case e a non sottovalutare i possibili pericoli di un cortocircuito causato dalle luci dell’albero di Natale.

Sono diverse le regole da seguire a cui prestare attenzione e i precedenti mortali che suscitano l’attenzione dei pompieri e l’invito agli italiani a seguire alcune semplici norme di sicurezza.

Le luci dell’albero di Natale sono pericolose?

Tutto è nato da un tweet dell’account ufficiale dei Vigili del fuoco, riempito da subito di like e retweet fino a diventare virale. I consigli sono semplici ma estremamente validi: prima di uscire di casa spegnere sempre le luci dell’albero e anche prima di andare a dormire, meglio evitare di lasciarle accese.

Oltre al fattore risparmio energetico, spegnere le luci di Natale quando non si è in casa o quando non si è vigili può rivelarsi una soluzione fondamentale per non rischiare di ritrovarsi con un brutto incendio proprio sotto le feste.

All’avvertimento dei pompieri si accompagna infatti una serie di precedenti: solo questo mese si sono verificati diverse dipartite a causa di incendi provocati dalle luci natalizie (il più recente ad Agliana in provincia di Pistoia, dove ha perso la vita il pensionato Giovanni Nesti).

Italia, ma anche all’estero: il fenomeno di questi “roghi da albero di Natale” coinvolge tantissime persone ogni anno e la casistica dimostra che questo tipo di incidenti tende a verificarsi proprio nelle ore notturne.

Ti potrebbe interessare Auguri Natale, frasi e immagini per augurare Buone Feste 2019 ad amici e parenti

Luci dell’albero di Natale pericolose: le regole da seguire

I consigli da seguire dei Vigili del fuoco per un natale al sicuro comprendono diverse norme elementari ma che spesso, nella frenesia natalizia, possono sfuggire di mano.

Prima di tutto, bisogna tener conto del tipo di materiale con cui è stato costruito l’albero di Natale che avete in casa: nella scatola dovrebbe essere indicato, per essere certi che sia sicuro, come tipologia l’essere ignifugo o antiestinguente. In questo caso sarete sicuri che il vostro albero non vada immediatamente a fuoco con uno sfortunato cortocircuito.

Chi sceglie un abete vero deve invece verificare che lo stesso albero non sia già secco al momento dell’acquisto, prestando particolare attenzione al colore degli aghi (deve essere di un verde intenso) e che questi non si stacchino troppo facilmente: un albero secco può andare a fuoco in modo davvero rapido, impiegando tra i venti e i trenta secondi per trasformarsi in un’arma potenzialmente letale. Se acquistate un albero di Natale naturale verificate che sia in tutto e per tutto un albero vivente e con le radici piantante in un grande vaso, avendo cura di annaffiarlo per tutto il periodo natalizio.

Dal vaso di terra al piedistallo: verificate che quello dell’albero di Natale sia della grandezza giusta, eviterete così il rischio che l’abete finto possa rovesciarsi a terra causando la possibile rottura delle lucine (e il conseguente incendio). Meglio dividere il peso energetico attraverso una ciabatta, con la presenza di un trasformatore (lo riconoscete dalla grandezza e dal peso) che aiuta a non surriscaldare la presa delle lucine.

Attenzione alla posizione del vostro albero in casa (evitate di posizionarlo accanto a tende, tovaglie e mobili con imbottitura e tessuto) e al marchio CE che certifica la presenza di luci sicure e non contraffatte (possono essere presenti, e aiutare, anche i marchi IMQ, TÜV e GS).

E per le luci esterne? Verificate che siano sempre collegate a un trasformatore a basso voltaggio, compreso tra 12 e 24 Volt, e che le luminarie che scegliete per finestre, terrazzi e balconi siano adibite per l’uso esterno come indicato dalla confezione.

Ti potrebbe interessare Metro Roma Natale e Capodanno 2020: orari e chiusure

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Vigili del Fuoco

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.